Corso, torna la vecchia viabilità o quasi. Garetti: «Proveremo la pedonalizzazione»

Riaperto ufficialmente con il doppio senso di marcia per le auto il tratto fra piazzale Genova e Dolmen. Qualche automobilista in difficoltà al semaforo di via Venturini. I commercianti: stiamo a vedere. L'assessore: questa rimane una zona di pregio

Alcuni automobilisti non ancora abituati alla nuova viabilità all'incrocio con via Venturini

Corso Vittorio Emanuele, si torna all’antico. Più o meno. Dopo aver cavalcato l’argomento per tutta la campagna elettorale, a partire dalle 14 del 31 agosto è stata ripristinata ufficialmente, per buona parte, l’antica viabilità nel tratto fra piazzale Genova e il Dolmen che venne stravolta a suo tempo dall’assessore Cisini. E’ il primo provvedimento di una certa importanza adottato dalla nuova giunta Barbieri, a dimostrazione che «le promesse vanno mantenute». Soprattutto su tematiche tanto care ai cittadini.
Ma, ovviamente, anche questo nuovo assetto, seppure molto simile a quello pre-Cisini, è ben lungi dall’accontentare tutti. I commercianti sono abbastanza felici (finalmente c’è qualche posto in più per le auto) altri si lamentano per la pista ciclabile a senso unico per chi va verso il Corso, mentre per chi proviene dalla parte opposta in bici niente più corsia riservata, ma si va sulla carreggiata normale. Esultano tutti quelli che finalmente possono tornare a percorrere in auto il senso di marcia in direzione di via Genova, e chi tanto ardentemente desiderava la svolta a sinistra intorno al Dolmen per andare in via Venturini.

boris bar simona-2Mentre vengono ultimate dal servizio tecnico del Comune le ultime strisce per i posteggi, l’assessore al Lavori pubblici Paolo Garetti sovrintende tutto insieme ai responsabili di viabilità, opere pubbliche e ufficio tecnico. 
«Si tratta di un intervento che ci è stato richiesto da gran parte dei cittadini in campagna elettorale - spiega - è la prima fase di quello che sarà un ritorno alle origini, con massima attenzione ai due sensi di marcia. Ci attendiamo un traffico più snello in questo tratto e ovviamente uno scarico di traffico da via Venturini.
Consideriamo anche che è stato mantenuto un solo senso di marcia per gli autobus, a dimostrazione che si tratta in ogni caso di una zona di pregio. Ribadisco quanto prima una sperimentazione di pedonalizzazione di questo tratto ad orari e in giorni particolari perché, come tutto il centro, va ulteriormente rivitalizzato, e la pedonalizzazione è una via che non precludiamo. Questo è un modo per valutare, in un secondo tempo, quali sono le zone di maggiore valenza pedonale per poi intervenire di conseguenza».

te la do io la merenda-2«Vedremo - commenta il titolare del Bar Simona - sarà dura ripristinare tutto come prima. Sarà difficile, questa zona è stata “masturbata” troppo».
Dalla pizzeria “Te la do io la merenda”: «Abbiamo perso tutti la fiducia, ma siamo sicuri che la nuova amministrazione farà una cosa fatta bene e non lasciata a metà, con una strada ben fatta e agibile».

Intanto, mentre anche gli agenti della polizia municipale sorvegliano la viabilità nuova, qualche automobilista si incolonna ancora per svoltare a sinistra in via Venturini al semaforo nonstante ora vi sia il divieto perentorio. Ma presto si abitueranno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, 33 morti a Piacenza in un giorno: è il record peggiore. Sono 314 dall'inizio dell'epidemia

  • Tamponi ed ecografia a domicilio per i sospetti Covid, quattro team medici da martedì casa per casa

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento