Denunciati mentre vanno da un amico a giocare alla PlayStation: «Non sapevamo fosse vietato»

Nei guai un ucraino e un marocchino. Sono stati bloccati in via Vescovado

Una partita alla PlayStation costa cara a due giovani. I due amici, un ucraino di 20 anni e un marocchino di 21 residenti a Lodi ma domiciliari a Piacenza, sono stati bloccati dalla polizia mentre stavano entrando in un androne di via Vescovado, in pieno centro. Agli agenti hanno detto che stavano salendo da un amico a giocare alla Play tutti insieme e che non sapevano che il decreto ministeriale anti Covid lo vietasse, ovviamente sono stati denunciati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

  • Intrappolata nel locale del bancomat, 70enne salvata da Ivri e carabinieri

Torna su
IlPiacenza è in caricamento