Niente bagno in Po, Trebbia e Nure a Piacenza, il Comune: «Pericolo per la salute»

Il sindaco Dosi ha firmato l'ordinanza che applica il divieto imposto dalla legge regionale e ricorda i pericoli per la salute che possono derivare dalla balneazione nelle zone vietate

Il Po a Piacenza

Il sindaco Paolo Dosi ha firmato l’ordinanza che applica il divieto di balneazione in tutte le acque sul territorio del Comune di Piacenza. Un provvedimento in attuazione della delibera di Giunta regionale dell’aprile scorso e della precedente legge emiliano-romagnola in vigore dal 2015, secondo cui sono balneabili unicamente le acque marine e interne citate in un apposito elenco individuato dalla Regione.
L’ordinanza odierna ribadisce come tale elenco non comprenda aree site nel territorio comunale, sottolineando che la balneabilità viene autorizzata a seguito dei monitoraggi condotti da Arpae sull’inquinamento batteriologico delle acque e ricordando i pericoli per la salute che possono derivare dalla balneazione laddove vige il divieto. Nelle prossime settimane verrà apposta la relativa segnaletica informativa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento