Ex gioielliere di Carpaneto uccide la moglie in clinica a Milano e poi si spara

Tragedia in una clinica del MIlanese. L'ex gioielliere, Giancarlo Bocciarelli di 76 anni, era originario di Milano, come la moglie, Anna di 79, e abitava con lei a Carpaneto. Stamani è giunto nella clinica intorno alle 11, come altre volte, in visita. Nessuno si è accorto di nulla fino a quando improvvisamente gli infermieri hanno sentito le detonazioni provenire dalla stanza dov'era allettata la donna

La clinica milanese dove è avvenuta la tragedia

Un ex gioielliere in pensione, residente a Carpaneto, ha ucciso la moglie malata, nella clinica dove era ricoverata, a colpi di pistola, e subito dopo si è sparato uccidendosi di fronte al corpo di lei. E' accaduto la mattina del 2 gennaio a Paderno Dugnano, nel Milanese. L'arma usata era da lui regolarmente detenuta. Secondo le prime informazioni, l'uomo era da tempo molto prostrato per le gravi condizioni della moglie, a cui era molto legato. Intorno alle 11.30 è quindi andato nella struttura dove la donna era ricoverata, una residenza sanitaria per anziani dove si trovava da due mesi per un'ischemia cerebrale. Una volta nella stanza della donna, il marito ha estratto la pistola, una '38 special' che deteneva regolarmente dai tempi in cui faceva il gioielliere, e ha sparato due colpi al petto della moglie. Subito dopo ha rivolto l'arma verso se stesso, facendo fuoco una terza volta, alla tempia.

Quando i medici e gli investigatori si sono accorti dei fori sul petto della donna (l'uomo ha mirato al cuore), si è capito quanto era successo. L'ex gioielliere, Giancarlo Bocciarelli, di 76 anni, era originario di Milano, come la moglie, Anna di 79, e abitava con lei a Carpaneto. Stamani è giunto nella clinica intorno alle 11, come altre volte, in visita. Nessuno si è accorto di nulla fino a quando improvvisamente gli infermieri hanno sentito le detonazioni provenire dalla stanza dov'era allettata la donna. Il luogo dell'omicidio-suicidio, la Residenza sanitaria assistenziale Emilio Bernardelli, si trova in via Maresciallo Giardino, alla periferia di Paderno. E' una struttura residenziale moderna, con corpi di due e quattro piani, a fianco della clinica San Carlo, circondata da un grande parco.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il negozio del gioielliere che oggi ha ammazzato e la moglie e si è ucciso, Giancarlo Bocciarelli, di 76 anni, che si era ritirato una dozzina di anni fa, si trovava a Milano, in via Losanna, in zona Sempione. Con la moglie, Anna Pirotta, di 79, prima del pensionamento, viveva ad Arese (Milano) e solo in un secondo tempo la coppia si era trasferita nel Piacentino, a Carpaneto. I due lasciano un figlio di 42 anni e una figlia di 40, residenti a Rho (Milano). Chi li conosceva dice che ''erano unitissimi'' e non nasconde che dal sopraggiungere della grave ischemia l'uomo era crollato ''in un profondo stato di depressione''
(Fonte Ansa)

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento