Faccia a faccia con i ladri nel quartiere residenziale, gli abitanti: «Ennesimo episodio. Siamo abbandonati»

E' accaduto il 15 novembre a Corte Pusterla, un complesso residenziale nei pressi della Veggioletta. Il padrone di casa se li è trovati in salotto, ha urlato ed è riuscito a metterli in fuga. Sul posto i carabinieri. I residenti: «Manca l'illuminazione pubblica. Viviamo nel totale abbandono dell'Amministrazione»

Parte di Corte Pusterla

Nonostante avessero visto il padrone di casa sul divano non ci hanno pensato un attimo e si sono introdotti ugualmente, dopo aver scavalcato la recinzione, rotto la serratura del cancelletto e attraversato il giardino, favoriti dal buio. E' accaduto in un appartamento al piano terra nel complesso residenziale Corte Pusterla nei pressi della Veggioletta nella serata del 15 novembre. Sul posto sono intervenuti i carabinieri. L'uomo però non dormiva come pensavano i malviventi e quando se li è trovati davanti ha urlato terrorizzato riuscendo a metterli in fuga. Fuori, come da copione, li aspettava un terzo uomo a bordo di un'auto con il motore acceso. Sono scappati a folle velocità verso strada Gragnana, un altro residente vrebbe cercato di raggiungerli, invano. A Corte Pusterla ad oggi abitano quaranta famiglie e almeno 15 bambini piccoli. «Più volte i portavoce e l'amministratore condominiale hanno segnalato agli uffici del Comune, la situazione di totale abbandono in cui viviamo, oltre alla mancanza totale di illuminazione, non ci sono nemmeno le strisce pedonali, quindi per raggiungere la città o solo andare alla fermata del bus uno deve attraversare la tangenziale in condizioni pericolose. Nonostante la denuncia nulla è stato fatto», spiegano alcuni residenti. Una ragazza che abita nella Corte era fuori con il cane e ha visto la scena e i ladri scappare. Terrorizzata si è nascosta dietro un pilone (proprio lei ha subito un furto l'anno scorso).  «La totale mancanza di illuminazione  - spiegano - rende gli appartamenti della Corte un obiettivo facile per i ladri: poco tempo fa un colpo è andato a segno. Il buio oltreché rendere pericoloso anche portare a spasso il cane, non disicentiva i furti e ci sentiamo indifesi. Siamo in città, non in una frazione ma nessuno se ne occupa e ci sentiamo totalmente ignorati e abbandonati dal Comune. Dobbiamo aspettere che avvenga un fatto ben più grave per porre rimedio in qualche modo?».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Dino De Simone non si trova, le ricerche proseguono senza sosta

  • Tre maestre arrestate per maltrattamenti sui bambini all'asilo

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • Quattro feriti nel frontale sulla Provinciale: auto a canale e pick-up ribaltato

Torna su
IlPiacenza è in caricamento