menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcalendarcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcasesunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsiuslock-openlog-outeditfiletrophy

Filosa, inchiesta chiusa: 8 indagati e tangenti per 250mila euro

Il pm Colonna ha firmato la chiusura delle indagini a carico di Alfonso Filosa, ex responsabile della Direzione provinciale del lavoro. 8 gli accusati, e ipotizzato un giro di tangenti di 250mila euro

Chiusa l'attività d'inchiesta nei confronti di Alfonso Filosa, ex responsabile della Direzione provinciale del lavoro. Le accuse parlano di un sofisticato sistema di tangenti, che permetteva a Filosa di essere "ringraziato" con contributi in denaro o in beni per "avvisi" di ispezioni o controlli morbidi ad aziende compiacenti.

Sono 8 gli indagati, riporta il quotidiano Libertà con un articolo di Michele Rancati, e il giro di tangenti si aggirerebbe "intorno ai 250mila euro": oltre a Filosa, la figlia Maria Teresa; Fausto Bianchi, Morgan Fumagalli e Gerardo Mainardi (imprenditori); la moglie Rosa Cascone; gli ex sindacalisti Gianni Salerno e Giorgiio Cantarelli. Le accuse sono di concussione, corruzione, rivelazione di segreti d'ufficio. In sostanza, in cambio di denaro o "regali" costosi, sostiene l'accusa, Filosa avvisava in anticipo le aziende dei controlli della Direzione del Lavoro, oppure chiudeva un occhio su certe mancanze.

La difesa respinge tutte le accuse. Tutti, ora, avranno venti giorni di tempo per chiedere "di essere interrogati di nuovo" (scrive Libertà), oppure "presentare memorie".



Commenti

    Più letti della settimana

    Torna su