Ritrovato il prezioso crocifisso rubato sette anni fa nella chiesa di Rallio di Montechiaro

Indagine dei carabinieri del Tpc di Venezia e coordinata dalla Procura di Pavia: trovati anche candelabri e cornici antiche che erano finiti in Inghilterra. Un uomo indagato per ricettazione

Il crocifisso ritrovato dai carabinieri

I carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale di Venezia e dell’Arma Territoriale, coordinati dalla Procura della Repubblica di Pavia, hanno individuato e recuperato preziosi beni culturali che erano stati rubati tra il 28 febbraio e il 3 marzo 2013 dalla chiesa di Sant’Ilario Vescovo, a Rallio di Montechiaro, vicino a Rivergaro. Si tratta di un crocifisso del diciottesimo secolo, sei candelieri antichi e due cornici: «Le opere recuperate - dicono i carabinieri - rappresentano importanti testimonianze dell’arte scultorea di ambito ecclesiastico del XVIII e XIX secolo in territorio emiliano-piacentino, e la loro restituzione al patrimonio culturale nazionale e locale è pertanto da considerarsi oltre che “un ritorno a casa”, anche un deterrente contro i furti sacrileghi».

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nel corso delle indagini è stato possibile accertare che gli oggetti, dopo il furto e la ricettazione, erano stati illecitamente esportati all’estero, e commercializzati presso una nota fiera antiquariale inglese. Successivamente, dopo ulteriori transazioni e compravendite, sono stati reintrodotti sul mercato italiano, dove venivano individuati e recuperati nei territori delle provincie di Venezia, Milano e Pavia presso ignari collezionisti. I beni recuperati sono stati riconosciuti dal legittimo proprietario e l'Autorità Giudiziaria ha già disposto la loro restituzione. Una persona è stata denunciata per ricettazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 25 marzo

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

  • Stop attività produttive non essenziali e assembramenti con più di due persone: nuova ordinanza antivirus a Piacenza

  • Covid-19, l’aggiornamento sui casi positivi nel Piacentino del 23 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento