menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Ruba vestiti per sé e la bambina, mamma arrestata dai passanti

Via Venti Settembre, in manette una donna marocchina che stava cercando di fuggire dal negozio Oviesse con alcuni indumenti nascosti nella borsa. Scappando ha spinto a terra un cliente che tentava di fermarla. Arrestata per rapina

Arrestata per aver rubato qualche vestito per sé e per la sua bambina. C'è una storia di povertà dietro a quanto avvenuto all'Oviesse di via Venti settembre la mattina dell’1 aprile, dove una donna marocchina è stata sorpresa mentre tentava di uscire dal negozio con alcuni indumenti nascosti nella borsa per un valore di circa 200 euro. Questa mattina, 2 aprile, verrà processata per direttissima in tribunale a Piacenza.

L'arresto è avvenuto intorno a mezzogiorno. Una delle addette del negozio ha notato una donna straniera che si aggirava in modo sospetto tra gli scaffali del reparto abbigliamento. Quando la straniera si è avvicinata all'uscita, l'addetta del negozio le ha chiesto di fermarsi, ma la marocchina, per tutta risposta, ha allungato il passo guadagnando l'uscita. Un cliente, che ha assistito alla scena e ha intuito cosa stava accadendo, ha cercato di pararsi davanti alla ladra, ma è stato spinto con forza ed è caduto a terra rimanendo, tra l'altro, leggermente ferito.

L'addetta del negozio, intanto, ha iniziato a rincorrere la sconosciuta, ma in via Venti Settembre alcuni passanti hanno bloccato la fuggitiva ed è stata chiamata la polizia. Sul posto è arrivata una pattuglia della volante che ha caricato la donna e l'ha accompagnata in questura. E' stata arrestata per rapina impropria mentre gli indumenti rubati sono stati restituiti al negozio.

Potrebbe interessarti


    Commenti (27)

    • Istintivamente ho provato un moto di pietà per una mamma povera e bisognosa per sè e per la sua prole. Poi il comportamento e le reazioni violente della stessa, insieme con il quantitativo della merce sottratta, che tutti insieme dequalificano la persona, hanno soffocato qualsiasi sentimento benevolo e/o compassionevole. SE ripenso alle rinunce quotidiane in tutti i sensi, compresi i capi di vestiario ridotti al ricambio indispensabile e sempre rinfrescati, i viaggi sognati e mai realizzati, ecc., per costruire (per me e per mia figlia) onestamente con la mia professione, giorno dopo giorno, un minimo di sicurezza e di tranquillità economico-sociale, insomma un futuro sereno; SE ripenso a tutto questo, NON provo alcuna comprensione per certi comportamenti, per chi vuole tutto e subito, per chi vuole arraffare il frutto del lavoro altrui; per chi vede i risultati, ma NON vuol vedere il lavoro e le fatiche che li hanno prodotti. Troppi stranieri nullafacenti in Italia, ovunque: certi episodi si aggraveranno, finché la gente inizierà a contrastarli in qualsiasi modo, lecito e non.

    • sono notizie che fanno male.....comunque il 90% degli stranieri deve tornare al loro paese.

      • Avatar anonimo di Franci
        Franci

        sono daccordo!...su tutto!

    • Un cliente, che ha assistito alla scena e ha intuito cosa stava accadendo, ha cercato di pararsi davanti alla ladra, ma è stato spinto con forza ed è caduto a terra rimanendo, tra l'altro, leggermente ferito.“ cusa lera un camion e rimorchi....???

      • tira più una marocchina che un carro di buoi!

    • si vede che i bidoni bianchi della caritas, avevano esaurito le sue taglie... .a me mai verrebbe in mente di arrampicarmi alla bene -peggio e svuotare il cassonetto...tra un pò ci guzzeranno i panni stesi ad asciugare...

    • Applicare legge islamica.Par condicio

    • Vuoi vedere che finalmente la gente comincia a incazzarsi?

      • Avatar anonimo di Franci
        Franci

        beh sarebbe anche ora!!!!!!!!!

        • ...da un pezzo!

    • Avatar anonimo di Franci
      Franci

      ecco!!!! non e' andata a rubare un pezzo di pane o una tazza di latte per la prole..........bensì 200 euro di vestiti all'oviesse............(che tra l'altro per arrivare a 200 euro di indumenti all'oviesse sono veramente tanti)....vergogna!!! un'altra volta.............puah!!! PS ora attendo commenti da parte dei "furboni" che giustificano tutto!!!!!!!!!

      • Chi sarebbero i "soliti furboni" che giustificano il tutto? Mi sono perso forse qualcosa? Porta esempi concreti...svegliona.

      • Nessuna scusante.. Sta arrivado il bel tempo, non servono tanti vestiti.. una maglietta o un maglioncino poteva essere una necessitá (non giustificata), un guardaroba intero invece no!! Opto per carcere e figli affidati ai servizi sociali (che magari possono trovare un futuro migliore ai bambini) Poi se non erro, a Piacenza dovrebbe anche esistere un centro dove vengono dati vestiti e cibo a chi non ha alcun potere d'acquisto

        • Non so a te, ma a me capita spessissimo di vedere 'sti tovaglioni arrampicati nei cassonetti della caritas cercando di arraffare quanto più possibile.. Da li in poi, drastica decisione, i panni smessi li porto in discarica

          • Avatar anonimo di Franci
            Franci

            infatti non ho mai ben capito: ma se doni i vestiti che non ti servono piu' alla Caritas e poi li trovi in vendita sulle bancarelle dei mercatini............e ti dicono che li vendono per fare poi carità Cristiana...........c'e' qualcosa che non quadra, io pensavo che donando vestiti.........questi vestiti andassero poi ai bisognosi...........non pensavo ad un commercio.....

            • Rivendono tutto, tutto quello che diamo alla Caritas va venduto.. non voglio indagare sulla fine che fanno i soldi, meglio non sapere!! Però so che in qualche posto i vestiti li danno gratuitamente e ho visto della gente arrivare con delle borse piene di pasta, riso ed alimenti vari con su scritto (se non ricordo male) "CEE, alimenti omaggi" o roba simile.. credo fossero in omaggio per i bisognosi (poi non so chi si riempie il frigo, magari famiglie con due stipendi)

              • Scusate, mi permetto di intervenire solo perché state dando un informazione assolutamente sbagliate. La Caritas, almeno quella diocesana, ufficiale , non so se ne esistono altre, prende i vestiti e li dona a famiglie bisognose, direttamente, in giorni  fissati per il ritiro. Non c'è assolutamente nessuna rivendita. Mia moglie è una volontaria Caritas e la cosa funziona così. Se poi c'è chi si spaccia per Caritas e fa dell'altro, allora èun altro problema.. 

                • Facci l'abitutdine...qui si parla molto per sentito dire. E' un covo di falsi moralisti che parlano parlano e non vanno mai al nocciolo del problema. Si fermano in superficie, sparano sentenze e poi, quando il gioco si fa duro e le argomentazioni diventano indispensabili, scappano...lasciando "seccare" il discorso.

              • Avatar anonimo di Franci
                Franci

                io so solo che da tempo consegno cose a persone che "conosco" e che so che hanno bisogno. Non credo nelle associazioni.........non credo nemmeno tanto alla Caritas......non faccio numeri telefonici tanto pubblicizzati dove si dovrebbe donare "1 euro" a telefonata a chissa' chi............quel poco che posso donare, lo dono a persone che incontro per strada (non agli zingari) ....vado ad intuito. 

                • E fai bene!!! Bisogna aiutare direttamente i bisognosi, per evitare un ulteriore mercato di riciclo e di uso improprio.

        • Eh appunto. Se stava in marocco la l'inverno è molto mite, non gli serve fare il cambio di stagione, meno vestiti, meno riscaldamento...

          • Avatar anonimo di Franci
            Franci

            e meno rotture di co@@@@ni per noi!!!

        • Avatar anonimo di Franci
          Franci

          ESATTAMENTE!!!! in via san vincenzo........c'e' la caritas.........e la mensa per chi non ha di che nutrirsi!!!!!

    • eh si poverta'.....beh tutti siamo in poverta' con la cura monti...allora tutti i disoccupati sono autorizzati ad andare a fare razzie di abbigliamento e di cibo......che provi a farlo a casablanca x vedere cosa gli succede! tranquilla la sig. con le attenuanti( avr'a le bimbe o i bimbi) 2 mesi con la condizionale.....avanti la prox marocchina disoccupata

      • Si infatti. Se era povera qui poteva stare al suo paese. Pensano che italia navighiamo nell'oro

        • hai perfettamente ragione. In questo momento la situazione economica è tale da non consentire l'afflusso di nuovi migranti. L'Italia in questo momento è uno dei paesi più poveri nel contesto europeo, se ci sono già migliana di giovani italiani che fuggono all'estero in cerca di fortuna figuriamoci se possiamo permetterci nuovi arrivi. Con l'aggravante di un profondo disagio sociale da parte dei nuovi arrivati che porta a fenomeni di intolleranza come si evince qi da queste parti!

          • Attenzione che a fare questi discorsi ho pure sentito dire che abbiamo bisogno di nuovi immigrati perchè la popolazione è in calo...Questo è il ragionamento!

    Più letti della settimana

    Torna su