Giallo nella Bassa, donna trovata morta nel Po

Nel pomeriggio del 22 marzo i vigili del fuoco hanno recuperato il cadavere di una 68enne di Polesine. Secondo le prime ricostruzione effettuate dai carabinieri l'ipotesi più accreditata sarebbe il suicidio

Foto di repertorio

Giallo nel comune di Polesine: nei pressi di località Ongina, vicino al Fiume Po, nel pomeriggio del 22 marzo i vigili del fuoco hanno recuperato il cadavere di una donna. Secondo le prime ricostruzione l'ipotesi più accreditata sarebbe il suicidio: pare che si sia gettata in acqua dall'argine. I carabinieri di Polesine-Zibello stanno lavorando per ricostruire l'accaduto, anche se il quadro sembra piuttosto chiaro. In supporto sono spraggiunti anche i militari della stazione di Villanova.

La vittima è una donna di 68 anni di Villa d'Enzo, in mattinata avrebbe lasciato un biglietto al marito dove aveva comunicato l'intenzione di farla finita. Le ricerche sono cominciate alle 12.30 e si sono concluse un'ora dopo con il suo ritrovamento. Purtroppo, ormai, non c'era più nulla da fare. I vigili del fuoco di Fidenza granze anche all'aiuto degli uomini del Nucleo sommozzatori di Bologna, sono riusciti a recuperare il corpo della donna, ora a disposizione dell'autorità giudiziaria.

Potrebbe interessarti

  • Formiche, i metodi naturali per allontanarle da casa

  • Guida ai detersivi alla spina: perché comprarli e dove

  • Legge 104: chi può richiederla e come fare domanda

  • Cuocere i cibi in lavastoviglie: non solo moda, ma ecologia e convenienza

I più letti della settimana

  • Schianto fra Tir in A21, gravissimo un uomo. Autostrada chiusa e 12 chilometri di coda

  • Pestate in casa da cinque rapinatori incappucciati, due donne all'ospedale

  • Trovato alla guida ubriaco fradicio alle 10 di mattina, denunciato 

  • Ingerisce cocaina per sbaglio, gravissimo bambino di un anno

  • Perde il controllo dell'auto e si schianta contro il guard-rail, 24enne all'ospedale

  • Scivola mentre raccoglie fiori e fa un volo di quattro metri nel torrente, è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento