Gianna Casella, nessuna intossicazione. Morta per un problema al cuore

E' stato un problema al cuore, specificatamente al miocardio, a uccidere la cantante piacentina Gianna Casella nell'ottobre del 2012. Emerge dagli accertamenti tecnici dei consulenti della procura della Repubblica

Gianna Casella

E' stato un problema al cuore, specificatamente al miocardio, a uccidere la cantante piacentina Gianna Casella, il cui decesso, nell'ottobre del 2012, inizialmente era stato attribuito a un'intossicazione alimentare. La svolta nel caso arriva direttamente dagli accertamenti tecnici redatti dai consulenti incaricati dalla Procura della Repubblica di Piacenza e ora il caso della sua morte è a un passo dall'archiviazione. All'epoca delle indagini, lo ricordiamo, il sospetto che si fosse trattato di una setticemia causata da un'intossicazione alimentare da cozze aveva portato, in via precauzionale, anche alla sospensione dell'attività di un ristorante etnico di San Lazzaro, ma l'esercizio pubblico venne poi scagionato del tutto già dai primi accertamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Covid-19, Piacenza piange altre 26 vittime, il totale sale a 495

Torna su
IlPiacenza è in caricamento