“Gli eroi non muoiono”: la curva Nord abbraccia i vigili del fuoco con uno striscione

Tragedia nell’Alessandrino e tre pompieri uccisi. La Curva Nord del Piace ha reso onore ai vigili del fuoco di Piacenza con uno striscione appeso fuori dalla caserma di strada Valnure.

Lo striscione

Nella notte tra il 4 e il 5 novembre sono morti tre vigili del fuoco (Matteo Gastaldo, Marco Triches e Antonio Candido) e due sono rimasti feriti. Sono stati uccisi da un’esplosione, sembra di origine dolosa e quindi voluta, di una cascina nell’Alessandrino che non ha lasciato loro scampo. Nella serata del 5 novembre una decina di ultras del Piacenza Calcio, tra i quali Davide Reboli e il fratello Cece, hanno voluto far sentire la loro vicinanza al corpo nazionale dei vigili del fuoco in questo momento di lutto presentandosi alla caserma di Piacenza per stringere loro la mano facendo anche un applauso. Gli ultras della “Curva Nord Marco Reboli” (in ricordo di Marco, colonna portante della curva e recentemente scomparso) hanno appeso uno striscione alla caserma di strada Valnure a dimostrazione della stima e dell’effetto che li lega da sempre ai pompieri: “gli eroi non muoiono”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ragazzino finisce in Po, un passante si butta e lo salva appena in tempo

  • Ricoverato uomo affetto da meningococco , l'Asl: «Per chi è entrato in contatto serve la profilassi»

  • Nella notte fatti saltare due bancomat in pochi minuti, commando in fuga

  • «Su Tik Tok combatto il bullismo: la vita è più importante di chi ci odia perché diversi»

  • «Il mito della Lancia Delta non passerà mai di moda»

  • In tre per vendicare la tentata violenza all'amica

Torna su
IlPiacenza è in caricamento