Il Madhouse ottiene l’autorizzazione e riapre al pubblico

I titolari dopo lo stop inflitto dall'ordinanza Comune di Piacenza: «Potremo ospitare pubblici spettacoli nel nostro locale». Il locale della Veggioletta ha già riaperto

Il Madhouse ha riaperto i battenti. Il locale di via Bay alla Veggioletta, dopo che il Comune con un’ordinanza aveva sancito la perdita della licenza a partire da lunedì 28 gennaio, si è messo in regola e può riprendere la sua normale attività. Il locale era stato oggetto di un controllo delle forze dell’ordine nell’aprile del 2018. In quell’occasione polizia municipale, guardia di finanza, vigili del fuoco, Ausl, Siae e ispettorato del lavoro, alla luce della nottata di controlli, imposero la chiusura temporanea della struttura, per non aver rispettato i permessi.Il Madhouse aveva infatti la licenza per somministrare bevande e alimenti ai clienti, non per ospitare una sala da ballo. Nel locale, in quell’occasione, venne registrato un alto numero di persone, di molto superiore alle possibilità della struttura, in mancanza delle necessarie uscite di emergenza e vie di fuga. Dopo quell’episodio, il locale - che impegna più di una ventina di lavoratori - riaprì. Ma lo scorso 9 novembre un controllo interforze della Polizia Locale di Piacenza e della Questura ravvisò nuovamente un’altra infrazione: nel locale. In quella circostanza venne rilevato lo svolgimento di uno spettacolo con musica amplificata gestita da disk jockey, alla presenza di un centinaio di persone. Nuovo stop: informato dell’esito del controllo il Comune, l’ente dispose a fine gennaio la revoca della licenza e il divieto di proseguire anche l’attività di somministrazione degli alimenti e bevande.

«Il Madhouse – spiega la società che gestisce il locale - ha riaperto con l’autorizzazione di pubblico spettacolo, con la quale oltre ai servizi già offerti, organizza concerti, eventi e serate danzanti. Il mercoledì viene proposta la Ladies night, un format molto innovativo per cui le donne cenano gratis e pagano solo le bevande. Il venerdì cena spettacolo mentre al sabato cena con musica dal vivo». C’è ancora amarezza per lo stop imposto. «La chiusura del Madhouse – proseguono i titolari - era stata imposta per la violazione di una legge che regola gli eventi musicali con dj sopra le 100 persone. La stessa legge però, purtroppo, è stata applicata solamente a noi».

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore a 22 anni dopo lo schianto contro un terrapieno, trovata dopo diverse ore

  • «Lavoratrice instancabile e solare». Filoteea muore a 22 anni

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Massimo scrive di una busta misteriosa: un affare li avrebbe potuti dividere e lui l'ha uccisa?

  • In auto contro un Tir, due feriti gravissimi

  • Perazzi esce dal carcere: «Quando ho visto Massimo ho chiamato subito i carabinieri»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento