Incassano milioni di euro dallo spaccio e li reinvestono in Marocco, 18 arresti

Sgominato dalle Fiamme Gialle piacentine un sodalizio criminale potente e spregiudicato riconducibile ad un'unica e ampia famiglia marocchina che, grazie alla droga venduta a centinaia di clienti, ha movimentato negli anni milioni di euro che reinvestiva poi in Marocco

Da una parte un sodalizio criminale potente e spregiudicato riconducibile ad un'unica e ampia famiglia marocchina, dall’altra centinaia di persone tossicodipendenti che lo foraggiano e proteggono. Nel mezzo milioni di euro trasferiti negli anni dall’Italia al Marocco con la connivenza di call center e money transfer. Trentuno indagati in totale, nove ordinanze di custodia cautelare in carcere (6 da eseguire), 4 di custodia ai domiciliari emesse dal gip Stefania Di Rienzo per traffico e spaccio di droga, nove persone denunciate per sostituzione di persona e cinque arresti in flagranza, 600 clienti, mille cessioni solo in un mese per un ricavo lordo al mese di circa 50mila euro (30mila netto).

operazione sheitan gdf 2019 finanza-3Questi alcuni numeri della maxi operazione “Sheitan” della guardia di finanza della tenenza di Fiorenzuola guidata dal luogotenente Giorgio Botti, che ha alzato il velo su tre fruttuosissime piazze di spaccio (Caorso, Cadeo e Induno Olona nel Varesotto) controllate e gestite da decine di batterie di pusher professionisti pagati 100 euro al giorno. A tirare le fila del sodalizio criminale una famiglia marocchina che in Italia vive solo di spaccio, che incassa centinaia di migliaia di euro in pochi mesi e che reinveste nel paese d’origine (nelle telefonate parlavano tranquillamente di investimenti in terreni o immobili), spiega il sostituto procuratore che ha coordinato le indagini, Matteo Centini: «Non volevamo solo ricostruire lo spaccio ma seguire i soldi per capire dove e come potessero essere usati una volta usciti dai confini nazionali e chi materialmente aiutava i pusher nell’attività criminale, ossia call center bresciani e milanesi che dietro compenso, fornivano loro centinaia di sim clonate, intestate a persone ignare o inesistenti, ma anche money transfer che mettevano a disposizione individui pronti a distribuire le somme da trasferire all’estero rimanendo sempre sotto la soglia consentita».

Da sinistra il colonnello Luca Elidoro, il sostituto procuratore Matteo Centini, il colonnello Daniele Sanapo e il luogotenente Giorgio Botti-3I pusher, regolari in Italia, provengono da Famagosta e Morivione (noto come “quartiere del 15") a Milano, si muovono su auto sempre diverse e intestate a soggetti terzi che risultano proprietari anche di 200 vetture. Dalla mattina alla sera spacciano nei campi di Caorso e Cadeo eroina (20 euro al grammo) e cocaina (70 euro a dose) trasformati di fatto in un vero supermercato della droga e dove arrivavano non certo usando l'autostrada: sanno che possono incappare in controlli e quindi si servono di strade secondarie e scorciatoie. La droga veniva spostata due volte a settimana e quella non venduta veniva sotterrata. Accorti e spregiudicati si accordano con il cliente che comunica via telefono il modello dell’auto sulla quale arriva: sa che deve sfanalare per farsi riconoscere, poi lo scambio repentino della droga. Decine e decine gli episodi contestati (600 in un mese per più di due chili di droga) e circa mille clienti (dai 18 ai 50 anni quasi tutti italiani di Parma, Piacenza, Cremona) disposti a tutto pur di proteggere gli spacciatori: in qualche caso per non farli scoprire qualcuno ha ingoiato addirittura lo stupefacente per poi avvertire il “fratello”: «Non ti preoccupare, mi hanno fermato ma non hanno trovato nulla». I finanzieri hanno appurato come i tossicodipendenti portassero loro cibo e acqua, ma hanno anche scoperto una cascina nella quale due giovani donne, pur di avere la droga, si prostituivano. Da queste situazioni di degrado e totale dipendenza i militari hanno deciso di chiamare l’operazione “Sheitan”, che significa diavolo: «La droga è un vero e proprio diavolo che piega la volontà e assoggetta le persone – spiega il luogotenente Botti -, la loro vita è preda assoluta dello stupefacente, vivono per la droga, lavorano solo per avere i soldi per acquistare, chiamano gli spacciatori “fratelli”, mettono a repentaglio la propria vita per proteggerli e agevolarli in qualsiasi modo. Purtroppo abbiamo anche capito come sia tornata l’eroina in vena, un segnale gravissimo ed estremamente allarmante che non lascia scampo».  Vero scettro del potere il cellulare dello spaccio, un'agenda digitale dove erano registrati i numeri dei clienti, fonte inestimabile e inesauribile di guadagno che i pusher custodivano e che spesso si vendevano tra loro a quasi due mila euro. Nel marzo dello scorso anno tre marocchini, poi arrestati, braccati dai finanzieri a Monticelli non avevano esitato a speronare e a mandare fuori strada un'auto con a bordo due ragazze, per poi cercare di fuggire a piedi. Nel Milanese uno dei capi, fuoriusciti dal sodalizio per mettersi in proprio, aveva sparato senza esitare ai carabinieri che lo stavano inseguendo. «Episodi che dimostrano - spiegano i militari  - la totale assenza di remore, la violenza e la spregiudicatezza del sodalizio». 

Inseguimento a San Nazzaro ©Bonetti_ilPiacenza-2Si tratta di un gruppo strutturato e violento con a capo un 28enne regolare in Italia e anche incensurato, ora in carcere, che gestiva i propri uomini con dedizione e professionalità. Si tratta di una vera e propria macchina da soldi che richiedeva quindi un’organizzazione di tipo imprenditoriale. I finanzieri di Fiorenzuola, con quelli del Gruppo e del Nucleo di Piacenza, hanno perquisito molti call center tra Brescia e Milano (province dalle quali proveniva anche la droga) e denunciato nove persone per sostituzione di persona: rifornivano i pusher di Sim “pulite” rendendo le indagini sempre molto complesse e difficoltose. E poi le auto, centinaia, che i malviventi si scambiavano ciclicamente e che erano intestate a prestanome. Una filiera complessa che terminava nei money transfer: qui i soldi venivano appunto trasferiti in Marocco grazie a persone compiacenti che si intestavano le somme che non sforavano mai la soglia di attenzione: sapevano bene come eludere ogni tipo di controllo. Su questo filone e su quello delle Sim sono ancora in corso indagini: «Non è accettabile che nel nostro Paese si possano verificare situazioni di questo genere e che queste vengano punite con pene troppo lievi», spiega Centini. Con lui anche il comandante provinciale delle Fiamme Gialle, il colonnello Daniele Sanapo: «Orgoglioso dei miei uomini del loro lavoro» e il comandante del Gruppo, il colonnello Luca Elidoro.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • «Mio marito è stato un dono per la mia vita»

  • Provincia in lutto, se ne è andata Roberta Solari

  • Covid-19, a Piacenza continuano a calare decessi e contagi

  • Coronavirus e decessi, i numeri non tornano: se le vittime fossero molte di più?

  • Contagi in drastico calo a Piacenza: il 7 aprile 17, ieri erano 44

  • Coronavirus, contagiati anche venti minori piacentini

Torna su
IlPiacenza è in caricamento