Fiamme nella pizzeria sul Corso, clienti in salvo. Intervengono i vigili del fuoco

Grande spavento, ma fortunatamente nessun ferito, a causa dell'incendio divampato al primo piano della pizzeria Charlie. Sul posto vigili del fuoco, carabinieri e polizia locale

Vigili del fuoco e carabinieri sul posto (Foto Gatti)

Grazie al rapido intervento dei vigili del fuoco è stato domato in tempo l'incendio divampato in un ristorante di corso Vittorio Emanuele la sera del 31 gennaio. Intorno alle 20 sono accorsi i vigili del fuoco alla pizzeria Charlie mentre i clienti presenti venivano fatti uscire dal personale del ristorante. Al piano superiore infatti, in un locale adibito a magazzino, sono scaturite improvvisamente le fiamme, forse - ma è un'ipotesi - a causa del surriscaldamento della canna fumaria del forno. Il fuoco rischiava di propagarsi rapidamente bruciando alcune scorte alimentari accatastate lì vicino, ma l'intervento dei pompieri è stato rapido e risolutivo. Nessuno ha quindi fortunatamente riportato conseguenze, mentre i danni non sono ancora stati quantificati dai titolari. Sul posto una pattuglia dei carabinieri del Nucleo radiomobile per gli accertamenti e gli agenti della polizia locale che hanno chiuso temporaneamente quel tratto di strada.

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...

Potrebbe interessarti

  • I 5 cani più intelligenti del mondo

  • Prurito dopo la doccia: allergie e possibili motivazioni

  • Come tenere lontano i parassiti dagli animali domestici

  • Cuffie bluetooth, perché preferirle alle tradizionali

I più letti della settimana

  • I 5 cani più intelligenti del mondo

  • Tre chili e mezzo di cocaina purissima nell'armadio: «Ecco la droga per la movida piacentina»

  • Scontro in curva tra una moto e un furgone: feriti due giovani

  • I vicini sentono uno strano odore, la polizia trova una serra di marijuana: 60enne nei guai

  • Travolto da un'auto sulla Castellana, gravissimo un ciclista

  • Prurito dopo la doccia: allergie e possibili motivazioni

Torna su
IlPiacenza è in caricamento