San Nicolò: provocò il maxi-incidente sul ponte di Trebbia, assolto

E' stato assolto per incapacità di intendere e di volere, l'uomo che il 28 marzo scorso provocò il maxi-incidente sul ponte di Trebbia a San Nicolò. Nello schianto rimasero coinvolte 12 auto

Incapace di intendere e volere perchè la sua intenzione era quella di suicidarsi. Così è stata motivata la sentenza che ha visto assolvere il 53enne che il 28 marzo scorso provocò il maxi-incidente sul ponte di Trebbia. Nello schianto furono coinvolte 12 auto e rimasero ferite sei persone, tra le quali due bambini di Gragnano.

L'uomo tentò il suicidio con un sorpasso folle all'inizio del ponte di Trebbia a San Nicolò e provocò con quella manovra un maxi-incidente. Nello schianto rimase illeso. Il 53enne dopo qualche giorno dall'incidente era stato portato all'ospedale psichiatrico giudiziario di Reggio Emilia.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Gatto nero: storia della superstizione (e perché invece porta fortuna!)

  • Downburst: un fenomeno pericoloso e sempre più frequente

  • Guida al bonus bebè, mille euro alle famiglie che hanno avuto un figlio nel 2019

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Monticelli, la vittima è un padre di famiglia

  • Si schianta contro la ruota di un trattore, muore motociclista

  • Volante della polizia si schianta in tangenziale

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Incidente in autostrada, auto decolla e finisce a cavallo del new-jersey di cemento

  • Europei di Motonautica, incidente per il campione Alex Cremona: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento