Travolta da un’auto dopo lo schianto contro il guard rail, Valentina muore a 22 anni

La giovane piacentina, Valentina Zaia, lavorava in una catena di fast food a Cremona. La sera del 23 gennaio stava tornando dalla città lombarda in A21. All'altezza di Caorso si è verificato l'incidente che non ha lasciato scampo a lei e al suo cane che era in auto. Sulla dinamica indaga la Polstrada di Cremona

La scena dell'incidente (foto Trespidi) e a lato la vittima

Aveva solo 22 anni Valentina Zaia ma un terribile incidente stradale in autostrada, a Caorso, la sera di giovedì 23 gennaio l’ha strappata via dagli affetti più cari, dal la voro che svolgeva. Da due anni era impiegata di una catena di fast food, prima a Piacenza e ultimamente a Cremona. Solo poco tempo fa aveva scritto su Facebook a corredo di una foto che la ritrae con la divisa che indossa al lavoro: “Bisogna lavorare come se si volesse vivere in eterno, ma vivere come se dovessimo morire adesso”. Lunedì all'istituto di Medicina legale di Parma sarà effettuata l'autopsia sulla salma come disposto dal sostituto procuratore Ornella Chicca. Le auto sono state poste sottosequestro e verranno effettuati accertamenti tecnici. 
 

LA DINAMICA – Poco dopo le 21 la Zaia stava percorrendo la A21 ed era diretta verso casa, a Piacenza. Superato di alcune decine di metri l’uscita di Caorso avrebbe perso il controllo della sua Peugeot e si è schiantata frontalmente contro lo spartitraffico centrale: l’impatto ha fatto rimbalzare l’auto nella prima corsia della carreggiata. In quel momento sopraggiungeva un’altra auto condotta da un uomo che si è trovato di fronte la Peugeot: non è riuscito ad evitarla, probabilmente anche a causa del fondo stradale piuttosto scivoloso. La giovane è stata sbalzata sull’asfalto ma gli agenti della Polstrada ai comandi di Federica Deledda stanno vagliando due ipotesi circa l'esatta dinamica dei fatti. Nel primo caso la 22enne, dopo aver impattato contro il new jersey, potrebbe essere scesa dall’auto per chiamare i soccorsi, per poi essere successivamente colpita dalla sua auto contro la quale si è schiantata la Bmw. D’altra parte gli agenti ipotizzerebbero che la ragazza si trovasse ancora in auto all’arrivo della seconda vettura e che in seguito al fortissimo scontro sia stata proiettata all’esterno. I soccorritori che sono giunti sul posto con ambulanza e automedica da Monticelli e Cremona hanno trovato la giovane a terra ad almeno cinque metri dall’auto: era priva di sensi e le manovre di rianimazione che si sono protratte per più di mezz’ora, purtroppo non hanno avuto esito positivo. Valentina Zaia è morta sul colpo. Così come ha perso la vita nella notte il cane era a bordo con lei, anche lui sbalzato. L’hanno recuperato le guardie zoofile di “Fare Ambiente” che l’hanno condotto alla clinica veterinaria “Farnesiana” di Piacenza ma le ferite troppo gravi riportate non gli hanno lasciato scampo. Sul posto è arrivata anche la squadra dei vigili del fuoco di Piacenza per la messa in sicurezza delle vetture. Illeso il conducente della Bmw. Lunedì all'istituto di Medicina legale sarà effettuata l'autopsia sulla salma come disposto dal sostituto procuratore Ornella Chicca. Le auto sono state poste sottosequestro e verranno effettuati accertamenti tecnici.

LA VITTIMA – Valentina Zaia era nata in Cile e viveva a Piacenza nella zona di Montale. Era molto conosciuta anche a Pontenure dove aveva frequentato le scuole medie, poi alle superiori era andata al Liceo Respighi. Dopo il diploma aveva trovato quasi subito lavoro al polo logistico di Castel San Giovanni per poi iniziare a lavorare, dopo quasi un anno, in una catena di fast food: prima a Piacenza poi a Reggio Emilia e ultimamente a Cremona dove era stata trasferita. Lascia la madre e un fratello e una sorella più piccoli; il fidanzato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento