Auto tamponata a folle velocità, due morti nella notte a Castelvetro

Drammatico incidente intorno a mezzanotte sulla provinciale all'altezza dell'area commerciale e del night. Una Kia con a bordo un uomo e una donna, tamponata da un'Alfa Mito, si è ribaltata abbattendo un palo in cemento. I due sono morti sul colpo

La scena del drammatico incidente a Castelvetro

E' probabilmente l'alta velocità, e forse anche una manovra azzardata, la causa principale del tremendo incidente che intorno alla mezzanotte del primo settembre ha causato la morte di due persone alle porte di Castelvetro, davanti all'ingresso del parcheggio di un'area commerciale. A perdere la vita sono stati un uomo e una donna che viaggiavano insieme a bordo di un'auto che, tamponata con violenza da un'altra vettura, si è ribaltata finendo contro un palo in cemento abbattendolo. Per i due all'interno della vettura non c'è stato nulla da fare, sono morti sul colpo. Le vittime sono Giovanni Rossi, 42 anni, e Annamaria Bernardi, 41 anni, entrambi di Cremona. Viaggiavano a bordo di una Kia che è stata travolta da un'Alfa Mito condotta da un 25enne di Castelvetro che è rimasto ferito e che attualmente si trova in ospedale a Piacenza. I corpi senza vita dei due cremonesi sono stati estratti dai vigili del fuoco, mentre i carabinieri della stazione di Monticelli, con il supporto dei colleghi del Radiomobile di Piacenza, stanno accertando la dinamica e le cause precise dell'incidente.

La tragedia è avvenuta pochi minuti prima di mezzanotte. La ricostruzione è stata possibile anche grazie a un testimone oculare, un automobilista di passaggio in quel momento. La Kia, condotta da Giovanni Rossi, stava viaggiando verso Cremona lungo la strada provinciale 10 che attraversa Castelvetro. All'ingresso del parcheggio dell'area commerciale e del night club, alle loro spalle è arrivata - sembra a velocità folle - un'Alfa Mito con a bordo il piacentino di 25 anni, e che ha tamponato in pieno la Kia. Questa, a causa dell'impatto violentissimo, è finita contro lo spartitraffico laterale e si è rovesciata finendo contro un palo in cemento che sorregge una lampada Enel, mandandolo in frantumi. Questo ha però provocato il ribaltamento della vettura dei due cremonesi che sono stati trovati già privi di conoscenza quando, poco dopo, sono arrivati i soccorritori del 118: l'ambulanza della Pubblica esistenza di Monticelli, quella dell'ospedale di Fiorenzuola, l'automedica di Cremona e  una altro mezzo della pubblica cremonese. I vigili del fuoco hanno lavorato duramente per estrarre i corpi dell'uomo e della donna dall'auto distrutta. Il piacentino invece è stato subito portato d'urgenza in ospedale a Piacenza dal 118, ma non si troverebbe in pericolo di vita. La strada è rimasta chiusa fino alle 3 del mattino per permettere ai carabinieri di Monticelli e ai colleghi del Norm di Piacenza di effettuare i rilievi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

Torna su
IlPiacenza è in caricamento