Travolto e ucciso da una lastra di acciaio: era in pensione ma lavorava a chiamata

Grave infortunio alla Petrol Raccord di Calendasco: la vittima è morta sul colpo. Sul posto il 118 e i vigili del fuoco. Indagano i carabinieri di San Nicolò. Sul posto il magistrato, l'area è stata posto sequestro ed è stato aperto un fascicolo per omicidio colposo 

L'arrivo dei soccorritori

Un uomo di 68 anni, Domenico Bossalini, ha perso la vita tragicamente la mattina del 21 maggio a causa di un gravissimo infortunio sul lavoro avvenuto alla ditta Petrol Raccord di Ponte Trebbia a Calendasco. Intorno alle 8, il saldatore, era al lavoro all'interno di un'officina quando è stato travolto da una pesantissima lastra di acciaio, pare uno stampo che stava cambiando. Un peso enorme che lo ha schiacciato al petto e lo ha ucciso sul colpo. Bossalini era in pensione e abitava a Podenzano con la moglie, ma lavorava a chiamata. Anche il figlio lavora nella stessa azienda.  I sanitari del 118, giunti sul posto con l'automedica da Piacenza, hanno solo potuto constatare il decesso. Sul posto anche due squadre dei vigili del fuoco che, con l'impiego dell'autogru, hanno lavorato a lungo per liberare la salma. Delle indagini se ne stanno occupando i carabinieri di San Nicolò guidati dal luogotenente Vincenzo Russo intervenuti sul posto per i rilievi. L'area è stata posta sotto sequestro. Il sostituto procuratore Daniela Di Girolamo ha effettuato un sopralluogo insieme ai militari. E' stato aperto un fascicolo per omicidio colposo. 

infortunio mortale petrol raccord calendasco 00-2

infortunio mortale calendasco 00-2

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tamponamento tra due tir in A1, muore un uomo

  • Precipita nelle acque del Po, salvato appena in tempo

  • Travolto da un furgone mentre attraversa la Provinciale sulle strisce, grave un bambino

  • Auto avvolta dalle fiamme, conducente scende appena in tempo e si salva

  • Dopo un folle inseguimento tra la gente si scaglia contro i carabinieri: arrestato

  • «Mi aveva preso in giro: non le servivo più, poi l'ho afferrata per il collo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento