«Speriamo di poter riavere al più presto la salma di Balwinder»

Il cugino della giovane assassinata in maggio a Fiorenzuola dal marito, interviene per stigmatizzare alcuni articoli apparsi in cui si ipotizzava che l'indiana fosse ancora viva quando venne gettata in Po: «I giornalisti devono stare più attenti»