"Lenzuola bianche a balconi e finestre" per ricordare le vittime della mafia

Per il quarto anno da Piacenza l'associazione "100x100 in movimento" rilancia l’iniziativa "Lenzuola bianche a balconi e finestre in ricord delle stragi di Capaci e via D'Amelio e di Rita Atria"

Il lenzuolo creato a Milano nel 2013 che è diventato simbolo dell'iniziativa

Per il quarto anno da Piacenza l'associazione "100x100 in movimento" rilancia l’iniziativa "Lenzuola bianche a balconi e finestre in ricordo delle stragi di Capaci e via D'Amelio e di Rita Atria". 
Dal 23 maggio al 26 luglio l'associazione invita ad esporre fuori da balconi e finestre le lenzuola bianche «Come simbolo di ribellione a sepolcri dimenticati, a uomini e donne che ispirano le nostre azioni quotidiane, perché resi immortali dall'esempio delle loro vite». 
«Le nostre lenzuola bianche - scrive in una nota l'associaizone - siano mosse dal vento della bellezza, siano segno di speranza e sete di giustizia per proseguire nell'impegno di ricostruire il tessuto sociale del nostro paese, di diventare insieme cittadini consapevoli che la legalità conviene, che le schiene dritte sono le più belle. Fotografiamo le leznuola esposte e postiamole sulla pagina dell’evento  www.facebook.com/events/1558696644359921/ oppure inviamole a 100x100piacenza@libero.it. Da Piacenza le raggrupperemo e le diffonderemo, mettendo in evidenza le tante realtà associative, i singoli, i piccoli gruppi, che ogni giorno si impegnano per costruire legalità, dignità, giustizia. L’iniziativa terminerà il 26 luglio, anniversario della morte di Rita Atria». 
Rita Atria era una giovanissima testimone di giustizia, che si tolse la vita il 26 luglio 1992, una settimana dopo la morte del giudice Paolo Borsellino, sopraffatta dal dolore per la perdita dell’uomo al quale aveva affidato la propria vita, i propri sogni e le proprie speranze di riscatto dalla schiavitù mafiosa.

«Riteniamo indispensabile - continua l'associazione - che le nostre lenzuola bianche continuino a sventolare per Rita, vittima a soli 17 anni, troppo spesso dimenticata. Nelle precedenti edizioni abbiamo ricevuto e pubblicato tante foto di lenzuola esposte in tutta Italia: questo ci incita a proseguire per far sentire le voci di così tante persone.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • «A Piacenza nessun caso di Coronavirus. Piacentini stiano tranquilli, a breve un numero dedicato all'emergenza»

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, negativo ai test il manager di Fiorenzuola. Sospetto caso per una donna, infermiere in isolamento

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

Torna su
IlPiacenza è in caricamento