Libera: «Come ha fatto una persona vicina alla ‘ndrangheta ad arrivare a un ruolo così importante»

Operazione Grimilde ed arresto di Caruso, l’associazione “Libera”: «L’Amministrazione faccia chiarezza, lo deve ai ragazzi che incontriamo quotidianamente nei nostri percorsi di legalità»

«L’arresto del presidente del Consiglio comunale di Piacenza – è il commento del coordinamento piacentino di Libera, associazioni, nomi e numeri contro le mafie - rappresenta un fatto di estrema gravità. Il suo fermo nell’ambito dell’indagine che ha portato anche all'arresto di Francesco Grande Aracri e dei suoi figli, rappresenta un duro colpo alle istituzioni piacentine. Siamo consapevoli che le indagini siano ancora in corso e che non sia stata ancora emessa una sentenza. Ma le intercettazioni lasciano poco spazio ai dubbi: secondo il Gip Alberto Ziroldi, Caruso ha un ruolo “non secondario nella consorteria”. Le intercettazioni risalgono al 2015 e si riferiscono alla sua funzione all'interno dell’ufficio delle Dogane di Piacenza. Ci preoccupa molto che una persona vicino alla ‘ndrangheta sia riuscita ad arrivare ad un ruolo così importante, anche simbolicamente perché è un rappresentante fondamentale della città. L’Amministrazione comunale di Piacenza si impegna in percorsi di legalità nelle scuole e per tanto auspichiamo che faccia immediatamente chiarezza rispetto a questa situazione. Lo deve soprattutto ai ragazzi e alle ragazze delle scuole che incontriamo quotidianamente nei percorsi di legalità, che si impegnano in prima persona e che numerosi hanno assistito alle udienze del processo Aemilia. Insieme ai ragazzi, anzi a nome loro ringraziamo i magistrati e le forze dell’ordine impegnati in questa operazione. E’ compito ora dei cittadini chiedere una chiara presa di posizione ai politici che hanno espresso Giuseppe Caruso in Consiglio Comunale. Aspettiamo di avere maggiori informazioni sull'operazione Grimilde, per questo nei prossimi giorni organizzeremo un incontro pubblico di studio e approfondimento rispetto a questi gravi fatti che hanno coinvolto il nostro territorio chiamando esperti che da anni seguono il problema delle infiltrazioni mafiose nella nostra regione».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento