Lutto in Diocesi, addio a don Giampiero Cassinari

I funerali saranno presieduti dal vescovo e si svolgeranno nella chiesa parrocchiale di Gropparello venerdì 24 marzo alle ore 15

E’ morto, nelle prime ore di questa mattina, mercoledì 22 marzo, all’ospedale civile di Castel San Giovanni, don Giampiero Cassinari.  Era nato il 03 aprile 1940 a Gropparello ed è stato ordinato sacerdote il 23 maggio 1965. Ha iniziato il ministero presbiterale in qualità di collaboratore parrocchiale a San Giorgio Piacentino, successivamente è stato trasferito nelle parrocchie cittadine del Santo Sepolcro (1971) e di Santa Teresa (dal 1979 al 1986). E’ stato parroco di Gossolengo (dal 1986), nonché delegato diocesano per l’ecumenismo e il dialogo interreligioso (dal 1992 al 2005). Dal settembre 1998 al 2007, è stato parroco di Pontenure. Nel 2008 è stato nominato parroco di Sariano di Gropparello e collaboratore per l’assistenza spirituale dei pellegrini presso l’ufficio diocesano pellegrinaggi. Un santo rosario sarà recitato questa sera mercoledì 22 marzo alle ore 20.30 nella chiesa parrocchiale di Sariano di Gropparello e anche domani sera, giovedì 23 marzo, alle 20,30 nella chiesa parrocchiale di Gropparello, dove sarà fatta giungere la salma a partire dalle 15.00 dello stesso giorno. I funerali saranno presieduti da mons. Vescovo e si svolgeranno nella chiesa parrocchiale di Gropparello venerdì 24 marzo alle ore 15.00. La salma sarà tumulata nel cimitero di Gropparello.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Esselunga: «Scaffali vuoti vengono subito riempiti: abbiamo scorte, pronti a ogni evenienza»

  • Emergenza coronavirus, decisa la chiusura di tutte le discoteche e locali di intrattenimento

  • Coronavirus, l'Inps sospende i servizi e le visite

  • Sei nuovi contagi a Piacenza: tra loro due medici e un infermiere del Polichirurgico

  • «Il virus circolava a Piacenza da tempo ma in tanti lo hanno superato senza accorgersene»

  • «Due nuovi casi positivi all'ospedale di Piacenza: contagiati dal focolaio lombardo»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento