Malore mentre è in coda al Catasto, salvato dagli impiegati con il defibrillatore

Un piacentino di 70 anni è vivo grazie alla prontezza degli impiegati che hanno usato l'apparecchio in dotazione all'ufficio di piazza Casali. Sul posto l'automedica del 118 e l'ambulanza della Cri

(Repertorio)

Ancora una vita salvata grazie alla presenza del defibrillatore in un luogo pubblico. Questa volta ad avere la meglio è stato un uomo piacentino di 70 anni che la mattina del 21 dicembre è stato colpito da un arresto cardiaco improvviso mentre era in coda all'ufficio del Catasto di piazza Casali: doveva presentare una domanda allo sportello, quando all'improvviso si è accasciato perdendo conoscenza. Prontamente il personale dell'ufficio, dopo aver chiamato il 118 per chiedere aiuto, ha preso il defibrillatore in dotazione alla struttura: l'apparecchio ha emesso due scariche che hanno fatto ripartire il cuore dell'uomo. Nel frattempo sono arrivati i sanitari del 118 con l'automedica e l'ambulanza della Cri. Il 70enne è stato trasportato d'urgenza al pronto soccorso. Qui, dopo un'altra scarica, si è ripreso del tutto ed è stato trasferito nel reparto di Cardiologia per gli accertamenti medici necessari. Seppure le sue condizioni siano serie, pare sia fuori immediato pericolo di vita.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Davvero un bel regalo di Natale - commenta Daniela Aschieri, presidente di Progetto Vita onlus che, per prima in Europa, ha promosso la defibrillazione precoce pubblica - Piacenza e la sua provincia hanno ormai 900 defibrillatori ad uso pubblico. Risultati come quello di stamattina sono possibili solo grazie a una rete così capillare e alla cultura della defibrillazione precoce. Cultura che, giorno dopo giorno, fa sempre più parte della mentalità dei piacentini».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Al via anche a Piacenza l’indagine che mapperà il Covid, 700 le persone coinvolte

Torna su
IlPiacenza è in caricamento