menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsius

Maturità, gli studenti: «Le tracce erano fattibili, la paura è per domani»

Sotto una cappa di caldo afoso oggi, 20 giugno, quasi 2mila studenti piacentini hanno affrontato la prima prova dell'esame di maturità, il tema. Tutti concordi: «Tracce fattibili»

Un gruppo di maturandi davanti al Romagnosi (foto Gatti)

Sotto una cappa di caldo afoso oggi, 20 giugno, quasi 2mila studenti piacentini hanno affrontato la prima prova dell'esame di maturità, il tema. Verso le 13.30 all'uscita dalle scuole superiori della città tanti ragazzi si stavano scambiando le prime impressioni sulle tracce. Siamo andati davanti al Respighi, al Gioia e al Romagnosi.

LE TRACCE DELLA PRIMA PROVA

Comuni le opinioni, ci dicono: «Pensavamo peggio, ci è andata bene. Anche se per il tema non sai mai quello che ti può capitare, non c'è da studiare e quindi si deve un po' "improvvisare". La paura adesso è per domani, la seconda prova». Dopo 5 ore chini sui banchi i maturandi, tutti con il dizionario di italiano sottobraccio, e sotto un solleone pensano già alla fine e a godersi il meritato riposo estivo.

 

Potrebbe interessarti


    Commenti

      Più letti della settimana

      Torna su