Circa 5mila euro di merce sequestrata donata alla parrocchia delle Mose

Circa 2mila oggetti sequestrati dalla polizia municipale in diverse occasioni nel 2010 sono stati donati a don Giuseppe Sbuttoni, parroco del Capitolo, Mortizza e Le Mose. I beni saranno distribuiti alle famiglia in difficoltà

merce-25Circa 2mila oggetti sequestrati dalla polizia municipale in diverse occasioni nel 2010 sono stati donati a don Giuseppe Sbuttoni, parroco del Capitolo, Mortizza e Le Mose. La merce proviene dalle attività della polizia municipale nel contrasto della violazione delle norme sul commercio. 

Si tratta di coltelli, maglioni, giocattoli, ombrelli e altri oggetti utili che verranno donati alle famiglie in difficoltà seguite da Giuseppe Sbuttoni, parroco del Capitolo, Mortizza e Le Mose. L'anno scorso la municipale aveva donato i beni confiscati alla parrochhia della Madonna di Lourdes. Alcuni oggetti serviranno per organizzare una pesca di beneficenza che raccoglierà altri soldi per le attività delle parrocchie.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Video

    Incendio nei sotterranei dell'ospedale, vigili del fuoco al lavoro per ore

  • Politica

    La proposta di Garilli e Reboli (Lega): «Campo nomadi da chiudere entro il 2020»

  • Fiorenzuola

    Tenta di uccidere il figlio e la moglie, massacra il cane e apre il gas: fermato 62enne

  • Eventi

    Centro storico, domenica arriva lo Sbaracco

I più letti della settimana

  • Viveva e lavorava in città l'aggressore del carabiniere. In casa la bandiera del Si Cobas

  • Tenta di uccidere nel sonno il figlio e la moglie, massacra il cane e apre il gas

  • Tenta di uccidere il figlio e la moglie, massacra il cane e apre il gas: fermato 62enne

  • Suv sfonda il guardrail in curva e si ribalta

  • «Mustafa, Lorenzo e Giorgio liberi subito». Sit-in davanti al carcere delle Novate

  • «Dacci la borsa o ti ammazzo». Pistola in faccia, donna con la madre anziana reagisce alla rapina

Torna su
IlPiacenza è in caricamento