Blitz degli anarchici fuori dalle Novate per chiedere la liberazione dell'attivista arrestata

Intervento di polizia e carabinieri l'altra sera fuori dal carcere: momenti di tensione con slogan e petardi per Natascia Savio, anarchica arrestata per i pacchi bomba ai pm di Torino e detenuta a Piacenza

Il carcere delle Novate (Repertorio)

Polizia, carabinieri e guardia di finanza sono intervenuti in forze alcune sere fa al carcere delle Novate. Qui un gruppo di anarchici, pare almeno una ventina di giovani, ha improvvisato una protesta per chiedere la liberazione di Natascia Savio, la 35enne di Torino, attivista anarchica, arrestata il 21 maggio maggio di quest'anno dai carabinieri del Ros e accusata di far parte del gruppo che due anni fa aveva inviato buste esplosive ai due pm antiterrorismo del capoluogo piemontese. La donna, estradata dalla Francia dopo il suo arresto oltralpe, alla fine di luglio era stata trasferita nel carcere di Piacenza, come riportato dal sito internet "insuscettibile di ravvedimento" che vi ha dedicato un articolo di recente.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Alcune sere fa un gruppo di anarchici e militanti dei centri scoiali, provenienti da altre città, si sono radunati sul lato del carcere verso la tangenziale sud. Al grido dello slogan "Natascia libera", e di molti insulti contro le forze dell'ordine, hanno poi lanciato fuochi d'artificio e petardi in direzione del muro di cinta della casa circondariale. Gli agenti di guardia hanno immediatamente chiesto rinforzi, e sul posto sono arrivate le volanti della questura, le pattuglie del Radiomobile dei carabinieri e anche auto della guardia di finanza. All'arrivo delle forze dell'ordine, alcuni manifestanti sono fuggiti a piedi, mentre altri hanno proseguito la protesta davanti all'ingresso delle Novate, dove già nei giorni scorsi erano compare scritte inneggianti alla liberazione della 35enne. Gli agenti hanno identificato i manifestanti rimasti, circa una decina e quasi tutti già noti alla polizia: nonostante qualche momento di tensione, alla fine la situazione è tornata alla normalità.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, 33 morti a Piacenza in un giorno: è il record peggiore. Sono 314 dall'inizio dell'epidemia

  • Tamponi ed ecografia a domicilio per i sospetti Covid, quattro team medici da martedì casa per casa

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento