'Ndrangheta e operazione Aemilia, in manette il nipote del collaboratore di giustizia Cortese

E' il nipote del collaboratore di giustizia e pentito Angelo Salvatore Cortese, di Cutro. L'arresto è avvenuto nella casa del padre a Sesto ed Uniti (Cremona). I carabinieri hanno trovato nel sottotetto una Beretta clandestina, una canna calibro 9, una penna pistola e 42 proiettili

Una delle pistole sequestrate

E' stato arrestato all'alba del 23 gennaio dai carabinieri del Nucleo Investigativo di Piacenza, guidati dal colonnello Massimo Barbaglia, e coordinati dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Bologna, Riccardo Antonio Cortese, 28enne incensurato e nipote del collaboratore di giustizia e pentito Angelo Salvatore Cortese, di Cutro. L'arresto è avvenuto nella casa del padre a Sesto ed Uniti (Cremona) e rientra nell'ambito dell'operazione Aemilia che sollevato il velo sulle attività dell''ndrangheta del Grande Aracri in Emilia Romagna negli ultimi anni e per la quale si sta svolgendo il maxi processo a Reggio Emilia, fanno sapere dal comando provinciale dell'Arma di Piacenza. 

Nella stesse ore avvenivano perquisizioni anche a Reggio Emilia, mentre a Cutro contemporaneamente è stato fermato Carmine Sarcone per il quale è stato disposto il fermo di indiziato di delitto. Sarcone, 39 anni, è il fratello di Nicolino (condannato a 15 anni) e Gianluigi Sarcone, entrambi arrestati nel 2015 e imputati nel maxi processo Aemilia. L'uomo è stato fermato in esecuzione di un mandato emesso dalla Dda di Bologna, ed è  ritenuto, secondo gli investigatori, coordinati dal procuratore distrettuale antimafia Giuseppe Amato e dai pm del processo Aemilia Marco Mescolini e Beatrice Ronchi, in questo momento il reggente della cosca emiliana della 'ndrangheta, stroncata tre anni fa. 

A Crotta D'Adda sono sono finiti nei guai un allevatore di  47 anni e la compagna di 48. Lui, calabrese, è stato trovato in possesso di una pistola regolarmente detenuta e munizionamento a "palla unica" per il quale occorre avere una autorizzazione che non aveva: è stato tutto sequestrato e lui denunciato. La donna invece è stata denunciata per detenzione di droga ai fini di spaccio per il possesso di 22 grammi di hascisc. 

Riccardo Antonio Cortese si trova ora nel carcere di Cremona su disposizione della procura lombarda con l'accusa di detenzione illegale di armi. I carabinieri hanno trovato nel sottotetto dell'abitazione del padre una scatola con una pistola Beretta modello 35 calibro 7.65 clandestina e prodotta in Italia e poi venduta nel 1944 ai tedeschi durante la Seconda Guerra Mondiale, una canna calibro 9, una "penna pistola" calibro 22, arma a tutti gli effetti non detenibile per nessun motivo e 42 proiettili. Il tutto, perfettemente funzionante e pronto all'uso, ritengono gli investigatori. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Politica

    “Progetto Terrepadane” nell’ex consorzio Agrario, tagli al residenziale e al commerciale

  • Politica

    Difesa del suolo, nel Piacentino 25 cantieri per 3 milioni 790mila euro

  • Politica

    Rifiuti, la Tari rimane invariata ma il 10% non la paga

  • Politica

    Immobili comunali in vendita, prezzi ritoccati all’ingiù

I più letti della settimana

  • Blitz nei campi nomadi all'alba, decine di arresti

  • «Russomando era tra chi contestava l’iniziativa contro l'erba della morte»

  • Tir si ribalta e prende fuoco in A21, autostrada chiusa

  • "Decolla" sullo spartitraffico e poi si schianta contro quattro auto in sosta, traffico in tilt

  • Schianto all'incrocio, auto si ribalta. Una donna all'ospedale

  • Si sgancia il freno a mano, uomo schiacciato dalla sua auto sullo scivolo del garage

Torna su
IlPiacenza è in caricamento