«No a provvedimenti d'emergenza. Basta limitare i tagli alla sicurezza»

Omicidio di via Colombo, intervento del sindacato di polizia Sap: «Soldi recuperabili senza grossi sacrifici da parte di una classe politica che ancora non ha deciso (o comunicato) in quale direzione vuole portare il Paese»

La scena del delitto in via Colombo

La segreteria provinciale del sindacato di polizia SAP esprime pubblicamente un plauso a tutto il personale che in brevissimo tempo ha brillantemente catturato gli autori dell'efferato omicidio avvenuto via Colombo.

«E' con estremo orgoglio - scrive in una nota il segretario Ciro Passavanti - che proferisco queste parole perché sono perfettamente consapevole dello stato di estrema difficoltà affrontato dagli operatori durante questa breve ma intensa attività investigativa che, per la sua riuscita, è stata svolta necessariamente senza soluzione di continuità. Bravi ragazzi, nonostante abbiate da tre anni lo stipendio bloccato (così come lo sarà per il prossimo anno) avete fatto il vostro dovere, semplicemente con quella dedizione che da sempre contraddistingue gli operatori del comparto sicurezza, spesso confuso e generalizzato col pubblico impiego».

Poi aggiunge: «E questo nonostante le continue penalizzazioni del settore inflitte dagli organi politici che, in campagna elettorale, promettono più sicurezza ma, una volta superata quella fase, approvano pesanti tagli alle forze di polizia diminuendo così in maniera sproporzionata l'efficacia del loro operato, quindi non tenendo fede alle promesse fatte all'elettorato. Inoltre è doveroso rendere noto a tutta la cittadinanza che, nonostante questo terzo omicidio in un brevissimo lasso di tempo, un record per la nostra tranquilla provincia, l'operato delle forze di polizia ha consentito di identificare tutti gli autori dei delitti assicurandoli alla giustizia, restituendo in toto quella tranquillità necessaria e di diritto a tutti».

«É triste - conclude Passavanti - assistere a richieste di provvedimenti emergenziali, assolutamente inutili, per la risoluzione del problema, quando sarebbe necessario limitare i vergognosi tagli al comparto sicurezza, soldi recuperabili senza grossi sacrifici da parte di una classe politica che ancora non ha deciso (o comunicato) in quale direzione vuole portare il Paese».

Soddisfazione anche da parte del primo cittadino per l’arresto effettuato dalle forze dell’ordine degli autori dell’omicidio di un cittadino albanese domenica sera ai tavolini di un bar di via Colombo: “Desidero esprimere – commenta il sindaco Dosi -, anche a nome dell’Amministrazione comunale, la soddisfazione mia personale per la rapidità con cui le forze dell’ordine hanno risolto un caso di estrema violenza, che ha avuto ripercussioni sull’intera comunità. Il modo efferato in cui è stato compiuto questo omicidio rivela un alto tasso di violenza e di criminalità, che anche nella nostra città trova purtroppo drammatiche conferme. Questa brillante azione non solo consegna alla giustizia due pericolosi criminali, ma infonde un senso di rassicurazione nella cittadinanza, particolarmente toccata da quanto è accaduto l’altra sera. Mi complimento dunque – conclude Dosi - con la magistratura, con la Polizia di Stato e con i Carabinieri che hanno operato con professionalità e grande tempestività e hanno risolto in così poco tempo questo caso inquietante”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Assalto al bancomat nella notte, il colpo va a segno

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

  • Intossicato mentre lavora in una cisterna, operaio gravissimo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento