Occupazione del tetto di Gls, mogli e figli portano viveri ai 33 licenziati

Donne e bambini alla Gls di via Riva

Quarto giorno di occupazione del tetto della Gls di via Riva da parte di 33 facchini di Usb licenziati. Nella mattinata del 19 aprile le mogli e i figli hanno portato loro cibo e acqua per continuare la protesta. «Volevano affamarli, volevano fermare la lotta per il reintegro al lavoro impedendo di portare loro acqua e cibo; le strade attorno al magazzino sono presidiate dalle forze dell'ordine e nessuno può avvicinarsi a loro. Oggi però con un blitz solidale il sindacato di classe, confederale e conflittuale ha rotto l'embargo. Le famiglie con mogli e figli, i fratelli indiani di Cremona anche essi licenziati da un'agenzia interinale, i colleghi di Gls ancora al lavoro hanno portato decine di borse di cibo e acqua e hanno fatto scudo umano finché il tutto non è salito sul tetto. I piedi dei facchini non sono proprio per terra e le loro teste sono un più vicine le nuvole, ma le loro ragioni sono molto concrete». Si legge sul profilo Facebook del sindacato autonomo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "L'incubo è finito", Dino De Simone è stato ritrovato: sta bene

  • Tre acconciature da fare prima di andare a letto per avere boccoli morbidi e voluminosi al mattino

  • Travolto e ucciso in bici mentre tornava dal lavoro nei campi

  • Falciato sulle strisce da un'auto pirata, grave un uomo

  • «Sono fuggito dopo aver investito quell'uomo». Si costituisce il pirata di Vigolzone

  • Travolto da un'auto mentre va al lavoro, grave un uomo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento