Omicidio Casella: il figlio si è reso conto del delitto. “Che cosa ho fatto?”

Interrogato dal gip, il 36enne Adriano resta in carcere. L'avvocato De Biasi: "Si è pentito. Ho chiesto gli arresti domiciliari". All'uomo sequestrata l'auto e presto su di essa faranno i rilievi i carabinieri del Ris

A sinistra, Adriano Casella, arrestato per l'omicidio del padre Francesco. A destra, la vittima

“Che cosa ho fatto?”. Con queste parole Adriano Casella, 36 anni, si è subito reso conto della gravità di ciò che era appena accaduto.  L’uomo, accusato di aver ucciso con premeditazione il padre Francesco, di 78 anni,  ha ripetuto la propria versione dei fatti questa mattina, in carcere, al giudice per le indagini preliminari, Gianandrea Bussi. Il giudice ha convalidato l’arresto dei carabinieri e disposto la custodia cautelare. “Ha risposto a tutte le domande - ha affermato il legale dell’uomo, l’avvocato Zaira De Biasi (nella foto in basso) – fornendo anche alcune precisazioni rispetto a quanto detto al pm in precedenza. Si è pentito ed era sconfortato. Al termine, ho chiesto la concessione degli arresti domiciliari, ma il giudice ha deciso diversamente”. E così, dopo due ore di interrogatorio, l’uomo accusato di aver ammazzato il padre e di averne occultato il cadavere rimarrà in cella alle Novate.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Proseguono, intanto, le indagini coordinate dal sostituto procuratore Ornella Chicca. L’auto di Adriano Casella è stata postaZaira De Biasi-2 sotto sequestro e su di essa svolgeranno i rilievi i carabinieri del Ris (Reparto investigazioni scientifiche) di Parma. Ma l’inchiesta è tutt’altro che conclusa. Oggi si è anche svolta l’autopsia che dovrà dare risposta a diversi quesiti, a cominciare dal giorno e dall’ora della morte, fino alla modalità dell’uccisione. Il cadavere trovato nei boschi di San Michele di Morfasso era in stato di decomposizione e per poter ottenere alcune informazioni, il pm Chicca ha chiesto anche un esame scientifico a un entomologo: in base al tipo di larve presenti nel corpo si dovrebbe risalire con buona certezza al giorno del decesso. Francesco Casella mancava da casa dal 9 luglio. Il figlio Andrea ne aveva anche denunciato al scomparsa e non si sa se lo abbia fatto prima o dopo la morte del genitore. Ma Adriano non avrebbe fatto tutto da solo. La procura, infatti, ha acceso i riflettori su due persone che potrebbero aver spinto il 36enne a uccidere l’anziano padre.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento