«Risvolto drammatico di un’immigrazione che rifiuta l’integrazione»

Omicidio Kaur, la Lega provinciale: «Violenza sulle donne male silente. Non negare i risvolti drammatici di un'immigrazione che rifiuta l'integrazione»

“L’omicidio di Kaur rivela ancora una volta un quadro inquietante, che sconvolge e che va fermamente condannato, quello di una violenza nascosta nei confronti delle donne, troppe volte 'silenziosa' e chiusa tra le mura domestiche, ma anche quello – non dobbiamo nascondercelo – di un’immigrazione che rigetta l’integrazione, vista e considerata come pericolosa 'contaminazione'. Anche nei confronti di questo fenomeno la politica deve interrogarsi e lo deve fare con obbiettività e senza alcun pregiudizio ideologico, come troppo spesso accade”.

Così la segreteria provinciale della Lega Nord interviene a seguito del recente fatto di sangue costato la vita a Kaur Balwinder, indiana 27enne di Fiorenzuola che sarebbe stata strangolata dal marito, Singhj Kulbir perché vestiva all’Occidentale. “L’incontro tra una cultura che alza barriere e una politica disposta ad ammettere ghetti e zone franche può essere drammatico. E il caso di Kaur ne è un triste esempio. Unire persone non è come mettere insieme numeri o cose. E’ il caso che i profeti dell’immigrazione incontrollata e i poteri forti che speculano sulla stessa immigrazione, sul tema, si interroghino seriamente”.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Certo che è una morte assurda, ma i leghisti potevano risparmiarsi questo commento

  • Visto che i vivi li ascotano meno,adesso parlano coi morti! Insomma la Lega nella persona del suo esponente poteva evitare l'acido commento, La costituzione non pretende da chi entra un cambiamento delle proprie tradizioni e delle proprie abitudini e non può obbligare ad uno straniero tradito di adeguare il suo animo alle nostre leggi.Lo straniero ha le sue e le porta con se con fierezza. quasi un vangelo.La donne che tradisce è un disonore e il disonore si cancella con la morte.E si sente a posto ed in pace con se stesso e con la famiglia per aver cancellato l'infamia.Andrà fiero in carcere e sopporterà un castigo che secondo lui non era dovuto e lo rende grande verso i suoi familiari e compaesani. Perchè come è avvenuto a Brescia, è tutta la famiglia che decide. Poi e credo sia vero la porta al Po,l'avvolge in un lenzuolo e fa una funzione indiana.Era solo o con altri? Non parlerà e non lo sapremo mai. Quanto tempo ci vorrà perchè queste persone si integrino nelle nostre comunità?

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Omicidio di via Nasolini, chiuso per 40 giorni il bar Oldtimer

  • Cronaca

    Fuga di monossido in casa, una famiglia all'ospedale

  • Economia

    Flat Tax: pregi e difetti sotto la lente in Confindustria Piacenza

  • Cronaca

    «Anche ventenni e pensionati al corso per volontari». Oltre cento iscritti per la prima lezione alla Croce Bianca

I più letti della settimana

  • Stroncato da un arresto cardiaco, addio al generale al Fabrizio Castagnetti

  • «Un ordigno rudimentale contro il nostro negozio»

  • Tamponamento in tangenziale, tre feriti: uno è grave

  • Viaggio da incubo sul treno Milano-Piacenza: un uomo accoltellato, passeggeri presi a pietrate

  • Fermati a Piacenza Ovest con 400 chili di hascisc nel furgone, assolti

  • Lutto alla Polizia stradale, addio all'assistente capo Cristiano Garilli

Torna su
IlPiacenza è in caricamento