Omicidio di Stella Paroni, Badalotti "era capace di intendere e volere"

Giovanni Badalotti, accusato dell'omicidio di Stella Paroni avvenuto il 19 marzo del 2011 a Castelvetro, dalle perizie è risultato capace di intendere e volere

La figlia di Stella Paroni sul luogo del ritrovamento

Giovanni Badalotti, accusato dell'omicidio si Stella Paroni avvenuto il 19 marzo del 2011 a Castelvetro, è risultato capace di intendere e volere. Badalotti ha solo un disturbo anitsociale della personalità. Questo dicono le perizie psichiatriche eseguite sull'uomo e presentate in un incidente probabatorio davanti al gip Gianandrea Bussi. Il perito della difesa, invece, ha fatto rilevare la presenza di disturbi importanti in Badalotti. La vicenda si avvia ora verso la conclusione. Il pubblico ministero Antonio Colonna dovrebbe inviare nei prossimi giorni l’avviso di conclusione indagini.

IL BRUTALE OMICIDIO - Il brutale omicidio è avvenuto nella notte tra il 19 e il 20 marzo del 2011 in via Aldo Moro a Castelvetro. Stella Paroni, 91 anni, è stata picchiata e gettata viva dal balcone della sua abitazione. Successivamente è stata caricata su una carriola e gettata in un canale vicino ad una discarica. Giovanni Badalotti, fermato nella giornata dell'omicidio e vicino di casa della donna, è accusato di aver ucciso l'anziana e di averla trasportata alla discarica. Il cadavere era stato trovato da un passante.