homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

Parcheggiatori abusivi si spacciavano per americani con le Visa false

Arrestati dai carabinieri due nigeriani che di mattina facevano i posteggiatori abusivi in piazza Cittadella, poi andavano per centri commerciali per acquistare cellulari e computer con carte di credito false

Un controllo dei carabinieri in piazza Cittadella

Di mattina facevano i parcheggiatori abusivi, di pomeriggio giravano per centri commerciali, spacciandosi per importanti uomini americani, tentando di acquistare costosi generi hi-tech e di elettronica con carte di credito false. I carabinieri del Nucleo investigativo di Piacenza gli stavano però dietro già da marzo, e l'altro giorno li hanno fermati subito dopo aver tentato di comprare quattro cellulari iPhone di ultima generazione in un centro commerciale della periferia di Piacenza. Alla cassa però la loro carta di credito falsa questa volta non ha funzionato e sono stati costretti a scappare, ma i carabinieri li hanno individuati in autostrada mentre si dirigevano verso Milano: «Qui avrebbero tentato nuovamente lo stesso tipo di truffa in un altro centro commerciale» afferma il capitano Rocco Papaleo.

In manette sono finiti due nigeriani di 26 e 45 anni, uno dei quali si spacciava addirittura come un soldato Usa in servizio in una base americana. Entrambi residenti a Piacenza, i due nigeriani in realtà alla mattina facevano i posteggiatori abusivi in piazza Cittadella, molestando gli automobilisti che lasciano l'auto. «Sappiamo che i due fanno parte di un gruppo molto più ampio e abbiamo ancora in corso le indagini - afferma il comandante del Nucleo investigativo di Piacenza - sicuramente le carte di credito falsificate di cui erano in possesso arrivavano dal circuito lombardo. Durante la perquisizione abbiamo anche trovato i documenti d'identià falsi che utilizzavano al momento del pagamento»

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (8)

  • altri due hanno capito bene come funziona in italia. doppio lavoro in nero. cosi' si fa. non appena rilasciati il pdl li fara' soci onorari. gente cosi' non dovrebbe stare in mezzo alla strada ma in parlamento.

  • Da far rientrare SUBITO in nigeria, a nuoto

  • Purtroppo questa è la chiara conseguenza dell'arretratezza del sistema bancario italiano. Forse sarebbe opportuno un'adeguamento agli standard europeo soprattutto sull'utilizzo dell carta elettronica con i nuovi POSimage che necessitano della firma elettronica e del pin.

    • No. Questa è la chiara arretratezza del sistema giuridico italiano. Niente certezza della pena e questa gente può delinquere come meglio crede.

      • Mi scusi signor Wolf ma la certezza della pena a cui lei fa riferimento è una conseguenza a quento io avevo esposto. Il problema a mio avviso adrebbe risolto alla fonte , adeguando il sistema bancario italiano a quello internazionale evitando così spiacevoli situazione come quella qui descritta.

  • Ma le commesse chiedono i documenti o il Pin..solo a me??

    • Avatar anonimo di Perrofeo
      Perrofeo

      magari qualcuna e' anche d'accordo con loro..a Napoli funziona cosi per quello che ne so

  • Poverini!!! Se non ci fosseroloro chi farebbe i lavori più umili che ormai noi italiani non vogliamo più fare????? Meno male che ci sono loro.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scompare da casa, al via le ricerche in città e a Bettola: «E' malato, chi lo vede chiami il 112»

  • Cronaca

    Statale 45, l'Anas presenta il nuovo progetto: un viadotto che attraversa il Rio Cernusca

  • Politica

    Da oggi è in vigore il nuovo Psc: «In autunno il primo Poc»

  • Cronaca

    Mezzi agricoli in fiamme, vigili del fuoco al lavoro

I più letti della settimana

  • Tragico schianto a Chiavenna Landi, due morti

  • Frontale fra due auto sulla strada Cementirossi, tre feriti

  • Trattore in fiamme a Ivaccari, si incendiano ettari di campo

  • Con spranghe e catene per una spedizione punitiva: cinque denunce

  • Scompare da casa, al via le ricerche in città e a Bettola: «E' malato, chi lo vede chiami il 112»

  • Uccide la moglie e poi si spara, si indaga sul movente: «Una coppia serena e affiatata»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento