Pattuglie in borghese della Municipale contro chi guida al cellulare

Nuovo servizio del comando di via Rogerio: agenti in divisa su auto civetta con l'obiettivo di sanzionare certi comportamenti scorretti e spesso causa di gravi incidenti stradali

Una pattuglia con auto in borghese durante un controllo in piazzale Roma

Pattuglie con auto in borghese della polizia municipale per contrastare le violazioni al codice della strada, soprattutto certi comportamenti particolarmente pericolosi come l'utilizzo del telefono cellulare alla guida (causa di tanti incidenti stradali), la mancanza delle cinture di sicurezza, o chi passa con il semaforo rosso o senza dare la precedenza. Una squadra di agenti del comando di via Rogerio, già da diverse settimane, ha iniziato un servizio che in altre città italiane ha dato in breve risultati molto importanti per la repressione e la prevenzione delle violazioni. Si tratta di agenti del nucleo territoriale e motociclisti in divisa, ma che viaggiano e pattugliano le strade cittadine a bordo di auto in borghese, proprio per non dare nell'occhio. Una volta individuato, l'automobilista che commette l'infrazione viene invitato a fermarsi e sanzionato secondo quello che prevede l'articolo del codice violato.

Potrebbe interessarti

  • Nuovi codici al Pronto soccorso: ecco cosa cambia

  • Requisiti Reddito di cittadinanza, come fare domanda e quali regole rispettare

  • I trucchi per avere abiti perfetti senza stiratura, anche durante le vacanze

  • Perché smettere di stirare? Vantaggi e consigli

I più letti della settimana

  • E' un odontotecnico di Piacenza la vittima del tragico schianto a Bobbiano

  • Arrestata per omicidio a Ravenna, a Piacenza era già finita nei guai per stalking e resistenza

  • Ferragosto e dintorni: come trascorrerlo a Piacenza e in provincia

  • Migliaia di rotoballe divorate dalle fiamme nella notte, nel rogo muoiono anche alcuni bovini

  • Omicidio in piadineria a Ravenna, la coppia è di Travo

  • Cade da una scala, muore operaio

Torna su
IlPiacenza è in caricamento