venerdì, 31 ottobre 5℃

Pecore massacrate dai lupi a Travo, l'allarme di Coldiretti: «Trovare una soluzione»

Bisi (Coldiretti): «Una vera e propria strage è quella che si è presentata ai nostri allevatori che in queste mattine hanno visto i loro animali massacrati dai lupi». Fortinelli: «Bisogna aspettare che questi lupi attacchino le persone per capire che è un fenomeno che ci sta scappando di mano?»

Redazione 22 maggio 2013
15
Una delle pecore uccise
Una delle pecore uccise

“Una vera e propria strage è quella che si è presentata ai nostri allevatori che in queste mattine hanno visto i loro animali massacrati dai lupi”. Con queste parole il Presidente di Coldiretti Piacenza Luigi Bisi non riesce a contenere la rabbia per l’accaduto.

Due aziende delle prime colline di Travo hanno avuto i propri allevamenti distrutti da questo animale selvatico, ben 18 capi tra agnelli, capre e pecore. “Proprio nei giorni scorsi, sottolinea Adriano Fortinelli responsabile del settore caccia per Coldiretti Piacenza, siamo stati rassicurati dall’amministrazione provinciale che si sarebbe arginato il fenomeno e come una beffa i lupi, hanno colpito e ucciso. Si parla di specie protetta… Bene… ma i nostri animali chi li protegge. Bisogna aspettare che questi lupi attacchino le persone per capire che è un fenomeno che ci sta scappando di mano. E’ assolutamente necessario trovare una soluzione. Non si tratta solo di tutelare l’economia di aziende ma della sicurezza delle persone”.

La cosa preoccupante è che la presenza del lupo non è più circoscritta a territori di alta montagna ma, come dimostrato da questi ultimi eventi, interessa l’intero territorio basso collinare dove, dopo cinghiali e caprioli diventano sempre più consuete le presenze dei lupi in prossimità dei centri abitati.

Ciò crea inevitabilmente situazioni pericolose non solo per gli animali al pascolo delle aziende zootecniche ma anche per gli automobilisti che, sempre più spesso, impattano contro questi selvatici. La situazione ormai non è più sostenibile: piccoli allevamenti di pregio, spesso impossibilitati ad applicare misure di prevenzione per ragioni tecniche o economiche, vedono la costante perdita di animali e con essi l’unico reddito fonte di sostentamento familiare. E’ facile dunque intuire che questi attacchi mettono a rischio la presenza stessa di quei già pochi allevatori che con tenacia hanno resistito ad anni di dura crisi continuando comunque ad investire sul nostro territorio.

Per Coldiretti Piacenza dunque il tema dei danni da fauna selvatica in agricoltura rimane un fronte particolarmente caldo: “Ci siamo fatti portavoce delle aziende associate, ed in particolare di tutte quelle imprese che svolgono la propria attività in zone collinari e/o montane e vedono il frutto del loro lavoro e dei loro sacrifici messo a repentaglio dalla fauna selvatica” prosegue Bisi. “Si tratta di una vera e propria emergenza causa di un clima di tensione e sfiducia tra le imprese agricole, che lamentano un eccessivo peso dei danni e un insufficiente risarcimento degli stessi da parte degli enti preposti”. Per il bene comune, per la sicurezza stradale e per la sopravvivenza delle aziende su un territorio dalle potenzialità inestimabili è assolutamente prioritario monitorare la situazione e prevedere delle misure di prevenzione più adeguate.

Annuncio promozionale

“Ci spiacerebbe, conclude Bisi, dopo questo ennesimo episodio leggere il “solito” commento degli animalisti che dicono “povero lupo”… Ma ai poveri agnelli chi ci pensa? La scena che si è presentata stamattina ai nostri allevatori e che possiamo documentare con diverse foto era davvero assurda. Questi agnelli sono morti straziati. Per noi va bene tutelare il lupo, ma non possiamo più tollerare di sfamarli con i nostri animali”.

coldiretti

15 Commenti

Feed
  • Avatar di Sono Benito

    Sono Benito Ho fatto un giro alla Ballotta per verificare. Effettivamente c'erano Lupo de Lupis e Braccobaldo

    il 24 maggio del 2013
  • Avatar di Sono Benito

    Sono Benito Non è necessario perdere tempo per commentare una bufala colossale messa in atto da qualche agricolo del Ciapas o Ballotta. Hanno fatto scena per andare sul giornale E se fisse stato il lupo di San Francesco o quello di Capuccetto Rosso ? ( una leggenda la seconda favola)

    il 24 maggio del 2013
  • Avatar di Zio

    Zio Pietro spero solo una cosa " che l'eccezione stravolga la regola" ovvero che sia davvero un lupo e che poi sbrani Bisi. Ma siccome è la solita bufala come le varie pantere e affini la realtà non supererà la fantasia .

    il 24 maggio del 2013
  • Avatar di Pietro NIGELLI

    Pietro NIGELLI Non riesco a capire perché certe persone che occupano posizioni rilevanti non siano capaci di collerage la parte cognitiva e razionale del loro intelletto con quella parte del cervello che si occupa della parola; personalmente mi occupo del lupo dal 1984 son o quella persona che derisa allora e fatta passare per visionario (scorrele le pagine di Libertà del tempo) censì il lupo nelle nostre valli e precisamente al p.so Maddalena ( val Boreca). Da allora ho seguito il nostro amato lupo nel suo peregrinare nelle nostre valli; ho assistito alle sue illegali uccisioni, ho preso atto degli allarmismi dei "soloni" d'ogni tempo e stagione ma non ho mai, purtroppo, potuto raccogliere una dico una sola voce che proferisse sensate parole di tutela per l'uomo montanaro-contadino-allevatore e l'anumale. Spesso anche in pubbliche riunioni ho speso parole (ma si sa chi non é luminare in qesto paese é solo un fesso patentato) sul come difendersi dalle predazioni del lupo; ultimamente ho ventilato un innovativa proposta - non la descrivo chi é interessato mi può contattare chiedendo al questo quotifdiano on-line i mie recapiti che sono liberamente a disposizione di tutti - vedrermo se verrà presa in considerazione!. Circa la solita bufala della possibilità che i lupi possano assalire l'uomo essa é reale solo nella favola di cappuccetto rosso oppure se ci si trovasse (a proposito io ci sono stato) nei territori dello Yukon o dell'Alaska ed anche in questi posti le probabilità sarebbero invero alquanto scarse. Caro Bisi ci pensi prima di voler scatenare campagne verso animali che neppure sappiamo se veramente colpevoli del danno; quante volte abbiamo scoperto che trattavasi di cani randagi; quante volte anche in casi reali ci si é moltiplicati il numero dei capi abbattuti per gonfiare i rimborsi che, vede caro Bisi, ci sono ed a danno accertato vengono regolarmente risarciti. Circa la proposta populista della Lega Nord o meglio di Cavalli perché non credo che tutti gli elettori dei questo partito la pensino in modo univoco diso con pacata semplicità: ci sono già tutti gli strumenti idonei si tratta solo di volerli utilizzare ma allora addio battute di caccia grossa! un cordiale buona sera ed a tutti in bocca al lupo senza che questo crepi! NIGELLI Pietro Wolf-Finder

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di Zio

    Zio Parte seconda. Mangiato solo il collo?? Ma fatemi il piacere. Un lupo si sazia con la polpa non con le ossa del collo. Quella pecora è stata uccisa..fatta addentare da un cane e messa li a far scena,,,Dove sono le foto delle altre 15 ????

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di monica illari

    monica illari Comunque x me non sono lupi....i lupo là uccide e se la porta via x mangiarla x me sono i cani randagi.

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di Ugo Moira

    Ugo Moira Giusta l'osservazione dello zio,18 animali sbranati sono tanti.Cos'era un pranzo di matrimonio? Non ho cognizioni precise del territorio, ma per fare una simile strage quanti lupi erano? I cani non difendono il gregge (se ci sono)? Gli animali sono liberi al pascolo,perchè forse il ragazzino pastore non c'è più?

    il 23 maggio del 2013
    • Avatar di max max

      max max ma infatti in molti ipotizzano un assalto di cani randagi,non di lupi..i lupi di solito mangiano le pecore,non fanno quel genere di attacco..

      il 23 maggio del 2013
  • Avatar anonimo di Uberto

    Uberto Basterebbe introdurre nelle colline di Travo l'orso marsicano . Il plantigrade è temuto dal lupo che starebbe così lontano dalle pecore. L'orso poi ,se non messo alle strette,è vegetariano e non assale se non minacciato. Due coppie di orso dovrebbero essere sufficienti......

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di Charles Bronson

    Charles Bronson Cercasi smacchiatore di lupi, possibilmente residente non troppo lontano da Travo, si richiede privata esperienza in questo tipo di attività....

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di Zio

    Zio Le pecore sono sempre state rimborsate. A volte invece dei lupi sono gli stessi agricoli per fare cassa con animali da bassa macelleria. I lupi ne fanno fuori 1 o max 2 perché, a differenza delle bestie umane, preservano la riserva di cibo e non ne sbranano 16 per gioco. Se i lupi ci sono al max sono 2 perché il " morsicano" non fa branco.

    il 23 maggio del 2013
  • Avatar di cavesal

    cavesal Già,impariamo a rispettare.....

    il 22 maggio del 2013
  • Avatar di la bortellina

    la bortellina e il lupo di cosa si nutrira'? Forse andra' al galassia o al gotico?

    il 22 maggio del 2013
  • Avatar di jeppo

    jeppo Eccoli i difensori dell'umanità pronti a chiamare l'esercito del bene (leggi cacciatori) per distruggere il male (il lupo)... Non sarebbe ora di trovare una soluzione per il bene degli animali selvatici (ormai pochissimi), stiamo distruggendo il loro habitat e poi ci lamentiamo se si avvicinano ai centri abitati, sono un'animalista sig.bisi e difendo il lupo perchè lei non è certo dalla parte degli agnelli ma degli interessi di chi sfrutta quegli animali.... Non tiri fuori la favola di chi difende gli agnelli, perchè non è certo ne lei ne i suoi amici allevatori..... (sappiamo tutti che fine fanno gli agnelli) Impariamo a rispettare la biodiversità altro che task force

    il 22 maggio del 2013
  • Avatar di maikie adelchi

    maikie adelchi Abbiamo capito tutto! Non era necessario un book fotografico così dettagliato.

    il 22 maggio del 2013