Pendolari, ancora forti ritardi. E per Trenitalia, la colpa è anche dei viaggiatori

Continua l'odissea dei pendolari piacentini. Ieri ancora forti ritardi e carrozze congelate. Sul piede di guerra il presidente dell'Associazione, Ettore Fittavolini. Ma per Trenitalia, anche i viaggiatori hanno la loro colpa nei disordini


Ieri ancora forti ritardi, l'odissea dei pendolari non ha fine. Sull'orario di marcia, i treni ci hanno impiegato dai 20 ai 53 minuti in più per raggiungere la destinazione. E disservizi all'ordine del giorno: toilettes guaste, vagoni congelati, improvvise soste in aperta campagna. Così, dall'Associazione dei Pendolari di Piacenza, arriva una vera e propria sollevazione, sotto forma di lettera tagliente, firmata dal presidente Ettore Fittavolini.

“Adesso si scopre che i treni che si fermano in mezzo alla campagna, i ritardi taroccati sugli orologi di stazione, i vagoni frigorifero d’inverno ed altoforno d’estate,
le porte automatiche guaste, le carrozze fuori servizio, i bagni infrequentabili, l’assenza di pulizia sono colpa nostra. Magari verrà pure fuori che, così innamorati delle lunghe frequentazioni negli scompartimenti, abbiamo chiesto noi che vengano allungati i tempi di percorrenza dei già superlenti treni regionali che impazzano sulla nostra tratta”.

Malcontento anche per l'incontro del 9 dicembre scorso con i rappresentanti regionali di Trenitalia, tenutosi nell'aula consiliare di Palazzo Uffici. Quasi nulle le loro risposte alle domande di pendolari e giornalisti, tranne che per aver sollevato un vespaio con la loro affermazione “il ritardo dei convogli è per un terzo causato dagli stessi viaggiatori”.

Altri guai in vista a partire dal 14 dicembre, data d'inizio ufficiale della Tav Bologna-Milano. Per l'ICplus 552 Rimini-Milano, perennemente in ritardo di suo, è previsto sul nuovo orario un allungamento di circa 15 minuti sul tempo di percorrenza. E il nuovo anno porterà i rincari delle tariffe di abbonamento.

Per protestare, l'Associazione pendolari piacentini ha indetto, per il prossimo 13 dicembre, un presidio alla stazione centrale di Milano. I pendolari e i lavoratori delle ferrovie – scrivono per motivare la manifestazione – questo stato di quasi abbandono e di precarietà del trasporto ferroviario, fatto di continui ritardi, disservizi e soppressioni, lo vivono ogni giorno sulla propria pelle.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per muoverti con i mezzi pubblici nella città di Piacenza usa la nostra Partner App gratuita !

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna scomparsa, salvata sotto il diluvio dopo otto ore di ricerca

  • Non ce l'ha fatta il bambino di 2 anni salvato dall'annegamento in una piscina da giardino

  • Esce di casa e scompare nel nulla, al via le ricerche di una 45enne

  • Ubriaco, prima litiga con il buttafuori poi picchia i carabinieri e li manda all'ospedale: arrestato

  • Tragico tamponamento fra Tir, autista muore schiacciato nella cabina

  • Sestri Levante, piacentino riempito di botte per un cellulare

Torna su
IlPiacenza è in caricamento