Piacenza Expo: Pets Festival, buona la prima

Un flusso ininterrotto di visitatori ha animato la prima edizione della Pets Festival andata in scena a Piacenza Expo nel fine settimana. Un successo certificato da numeri da capogiro, si parla di oltre 20mila biglietti d'ingresso staccati

Alcuni animali alla fiera

Un flusso ininterrotto di visitatori ha animato la prima edizione della Pets Festival andata in scena a Piacenza Expo nel fine settimana. Un successo certificato da numeri da capogiro, si parla di oltre 20.000 biglietti d’ingresso staccati, che impone la rassegna dedicata agli animali da compagnia come appuntamento fisso nel calendario fieristico piacentino.

Pets Festival non è stata solo la curiosità di vedere il gatto con il pelo più bello o il pesce più colorato, ma un vero e proprio viaggio che ha unito uomo e animale, come succede nella vita di tutti i giorni e come la rassegna ha potuto esaltare. Amici chiamati a farci compagnia, ma anche ad aiutarci nelle difficoltà della vita, come un fratello che non ci tradirà mai.

E forse è proprio questa formula particolare, che ha unito alla semplice esposizione anche dimostrazioni, spettacoli, seminari sul rapporto tra l’uomo e l’animale, che ha richiamato espositori e pubblico non solo da Piacenza, ma da diverse zone d’Italia e non solo. L’unico neo, purtroppo non determinato dagli organizzatori, ma dal pericolo aviaria, la mancanza di un’area dedicata ai volatili, che sicuramente saranno protagonisti delle prossime edizioni.

Girando per le varie zone in cui sono stati suddivisi i padiglioni espositivi si incontrava veramente ogni genere di animale da compagnia: dai cani con i loro allevatori ai coloratissimi pesci, tropicali e non, presentati anche in particolari borse da viaggio che si proponevano come un singolare oggetto regalo. E ancora miriadi di serpenti, fascinosamente pericolosi nelle proprie teche, insetti e roditori. Mentre un padiglione a sé stante ha ospitato i gatti, docilmente adagiati nelle proprie gabbie, richiamati dal proprio ozio solo per farsi ammirare dal pubblico e dai giudici che hanno premiato gli esemplari migliori per stazza, peso e portamento.

E mentre il pubblico ha continuato ad affluire fino a poco prima l’orario di chiusura, chi usciva non si è fatto sfuggire l’occasione di acquistare un oggetto per il proprio animale, proprio come quando si torna da una vacanza: una nuova cuccia a forma di biscotto, l’ultimo ritrovato per lisciare il pelo del proprio gatto, nuove ambientazioni per il proprio acquario, se non addirittura un nuovo compagno pinnato.

Una prima volta, dunque, che ha fatto centro.  Grazie agli animali e alla loro dolcezza, grazie agli espositori e alla loro professionalità, grazie agli educatori che hanno permesso di approfondire e capire, grazie agli organizzatori e alla filosofia nuova che sottende all’evento, quella che celebra il rapporto tra essere umano e animale in tutte le sue sfaccettature. Grazie al pubblico, entusiasta, curioso, attento e rispettoso. E mentre si chiudono i cancelli di Piacenza Expo, già si passa a pensare alla prossima edizione.

Potrebbe interessarti

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Gatto nero: storia della superstizione (e perché invece porta fortuna!)

  • Downburst: un fenomeno pericoloso e sempre più frequente

  • Guida al bonus bebè, mille euro alle famiglie che hanno avuto un figlio nel 2019

I più letti della settimana

  • Schianto in moto a Monticelli, la vittima è un padre di famiglia

  • Si schianta contro la ruota di un trattore, muore motociclista

  • Morso del ragno violino: sintomi, rimedi e cure

  • Incidente in autostrada, auto decolla e finisce a cavallo del new-jersey di cemento

  • Europei di Motonautica, incidente per il campione Alex Cremona: è grave

  • Si dà alla fuga dopo lo schianto, rintracciato dai carabinieri: è grave

Torna su
IlPiacenza è in caricamento