«Piacenza non è sicura: chi dovrebbe proteggerci non è in grado di farlo»

Lo sfogo di residenti e commercianti di via Colombo il giorno dopo la brutale esecuzione davanti a un bar: I questori e i prefetti parlano di percezione di sicurezza dei cittadini ma questo è il quarto omicidio nel Piacentino in un anno. Qui c'è qualcosa che non va. Evidentemente i dati dimostrano che chi dovrebbe garantire la nostra sicurezza non lo sta facendo nel modo giusto»

La scena dell'omicidio

«Piacenza non è una città sicura. Chi dovrebbe organizzare e provvedere alla nostra sicurezza non lo fa». Sono arrabbiati i residenti e i commercianti della zona di via Colombo e della Lupa, il giorno dopo il brutale omicidio - una spietata esecuzione a colpi di arma da fuoco in un luogo pubblico - avvenuta la sera del 1 settembre al bar Baraonda: «E' stato un miracolo - affermano i clienti di un bar lì vicino - se non c'è andato di mezzo qualche innocente che si trovava a passare nei paraggi in quel momento. E la questura che cosa fa? Le multe a chi guida con il telefonino».

Si respira rassegnazione e insicurezza: «I questori e i prefetti parlano di percezione di sicurezza dei cittadini - si sfoga un piacentino che abita proprio nel palazzo sopra al bar dove è stato ammazzato l'albanese seduto al tavolino - ma questo è il quarto omicidio nel Piacentino in un anno. Qui c'è qualcosa che non va. Evidentemente i dati dimostrano che chi dovrebbe garantire la nostra sicurezza non lo sta facendo nel modo giusto».
Nel frattempo proseguono le indagini della squadra mobile della questura coordinati dal pm Emilio PIsante: gli agenti hanno lavorato tutta la notte, ascoltando varie testimonianze, per dare un nome e un volto al commando che ha aperto il fuoco su 39enne albanese Sadik Hajderi, uccidendolo sul colpo e ferendo un secondo individuo che attualmente si trova ricoverato nel reparto Obi dell'ospedale con una ferita da arma da fuoco al braccio, anche se non corre pericolo di vita.

LA CRONACA DELL'OMICIDIO IN VIA COLOMBO

La questura di Piacenza si chiude nel silenzio più totale: nessuno in viale Malta vuole spiegare che cosa è accaduto di preciso. Alcune voci di corridoio parlano - in base alle modalità - di un regolamento di conti che potrebbe essere maturato nell'ambito della prostituzione sulle strade di Piacenza. Intanto la salma dell'uomo ucciso verrà sottoposta a breve all'autopsia, mentre i tecnici sono al lavoro per vedere se dalle immagini delle telecamere della zona possa emergere qualche elemento utile alle indagini.

OMICIDIO IN VIA COLOMBO - IL VIDEO

Schermata 2013-09-01 alle 21.32.27-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento