La Polizia penitenziaria resta a secco e gli agenti devono pagare il pieno

L'episodio una decina di giorni fa. I distributori abilitati non accettavano la card in uso ai poliziotti. Un benzinaio: «Anche se mi fate la ricevuta i soldi li vedrò fra qualche anno»

Polizia penitenziaria

Che la crisi colpisca duramente anche l'universo carcerario - detenuti e agenti - è un dato di fatto, ma che gli stessi agenti debbano pagare anche il carburante per il trasferimento dei detenuti è il segno che il collasso è vicino.

La vicenda è avvenuta una decina di giorni fa. Un mezzo della polizia penitenziaria doveva trasferire un detenuto a Bologna. Nel viaggio di ritorno, a Reggio Emilia, si accende la spia rossa della riserva. Gli agenti escono per trovare un distributore convenzionato per i rifornimenti che accetti la tessera della compagnia petrolifera in dotazione alla penitenziaria, grazie a un accordo tra il ministero della Giustizia e la compagnia. Una compagnia che non ha molti distributori e che quindi costringe i mezzi molto spesso a uscire dall'autostrada per cercare la stazione di servizio. Comunque, i poliziotti trovano non una ma diverse stazioni di servizio. E qui comincia un'odissea che definire kafkiana è un eufemismo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Un gestore dice che non può accettare la tessera perché la compagnia sta cambiando nome, mentre agli "automatici" la card viene rifiutata. Con il serio rischio di restare a piedi, gli agenti trovano un'altra stazione di servizio della stessa marca. Dicono al gestore di essere ormai agli sgoccioli e chiedono di poter fare rifornimento. I poliziotti avrebbero rilasciato una ricevuto e il gestore sarebbe stato pagato dall'istituto penitenziario di Piacenza. Pronta la risposta del benzinaio che dà un quadro della situazione in cui naviga il Paese, anche nel delicato settore della sicurezza: "Il ministero mi rimborsa il pagamento con una card dopo sei mesi, con questa ricevuta a mano i soldi li rivedrò fra qualche anno". Alla faccia di decreti "salvaItalia", "ripresa in arrivo", "luci in fondo al tunnel".


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Camionista ucciso a Fiorenzuola, sul tir dell’imputato 8 coltelli

  • Travolta da un'auto mentre attraversa la strada in bici, muore una donna

  • Si ribaltano nel campo dopo la nottata in discoteca, illesi cinque giovani

  • Maltempo in arrivo sul Piacentino, allerta per temporali e frane

  • Foto tra ragazzini a cavallo del Milite Ignoto. L'ira del sindaco: «Offensivo per la Nazione, denunciateli»

  • Frontale fra una bici e una moto in Valtrebbia, due feriti

Torna su
IlPiacenza è in caricamento