Primo caso di West Nile nel Piacentino, anziana ricoverata

La donna è stata ricoverata presso il reparto di malattie infettive dell'ospedale di Piacenza. Si tratta del primo caso nel Piacentino dell'infezione

Una zanzara Culex

Il virus West Nile ha già provocato la morte di diverse persone in Emilia-Romagna e Veneto. Decine e decine sono le persone ricoverate negli ospedali della nostra regione. Purtroppo nella giornata odierna è stato confermato un caso di West Nile in una paziente anziana ricoverata all’ospedale di Piacenza, in Malattie infettive. Si tratta del primo caso Piacentino. Il virus deriva il suo nome dal distretto ugandese dove è stato isolato per la prima volta: la sua circolazione in tutto il territorio regionale è oggetto di costante monitoraggio ed è comunque in calo in Emilia Romagna. I serbatoi del virus sono gli uccelli selvatici e le zanzare (più frequentemente quelle comuni, del tipo Culex), le cui punture sono il principale mezzo di trasmissione all’uomo. La rete di sorveglianza è continua e coordinata a livello locale dal Settore controllo infestanti del Dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Piacenza. La situazione nella provincia di Piacenza è stata relativamente tranquilla per tutta l’estate. Sul nostro territorio la circolazione del virus è stata sempre minore rispetto ad altre zone e il lieve rialzo degli ultimi giorni ci mantiene al di sotto delle medie regionali.

Incubazione e sintomi

Nell’uomo, la malattia ha un'incubazione di pochi giorni ed i sintomi sono inapparenti nell’80% dei casi; quando si manifesta, si riscontra febbre elevata con malessere generalizzato, dolori muscolari e articolari, fino a casi di encefalite. Queste due ultime evenienze sono fortunatamente molto rare (circa 1 su mille). Nella maggior parte dei casi con sintomatologia, il malato si ristabilisce in circa una settimana, mentre nei casi più gravi possono residuare danni neurologici più o meno importanti. In Emilia Romagna si sono riscontrati da giugno a oggi una decina di casi di malattia umana con forma grave neuroinvasiva:  a Piacenza si tratta della prima paziente accertata.

Prevenzione

Non esiste un vaccino per la febbre West Nile. Per il momento la prevenzione consiste soprattutto nel ridurre l’esposizione alle punture di zanzare. Pertanto è consigliabile proteggersi ed evitare che le zanzare possano riprodursi facilmente:

  • usando repellenti e indossando pantaloni lunghi e camicie a maniche lunghe quando si è all’aperto, soprattutto all’alba e al tramonto
  • usando delle zanzariere alle finestre
  • svuotando di frequente i vasi di fiori o altri contenitori (per esempio i secchi) con acqua stagnante
  • cambiando spesso l’acqua nelle ciotole per gli animali
  • tenendo le piscinette per i bambini in posizione verticale quando non sono usate.

La malattia neuroinvasiva da West Nile virus si manifesta prevalentemente negli ultrasessantenni con un rischio che incrementa al progredire dell’età e nelle persone con diabete, ipertensione, malattia renale e con patologie che determinano immunodepressione; è quindi necessario porre particolare attenzione a luoghi ove questa tipologia di cittadini vive e si concentra.

Non è necessario operare una disinfestazione con prodotti per eliminare gli insetti adulti in un’area definita attorno alla residenza dei soggetti ammalati perché, a differenza di quanto succede con altre malattie virali trasmesse da zanzare (Chikungunya, Dengue o Zika), l’uomo non contribuisce a diffondere la malattia.

Nella situazione attuale è opportuno attuare comportamenti corretti sia rispetto alla protezione dalle punture sia alle misure di contrasto alla proliferazione delle zanzare. Si precisa che alla fine dell’estate le zanzare comuni (Culex) cominciano a pungere anche al crepuscolo e non solo in ore notturne.

Terapia e trattamento

Non esiste una terapia specifica per la febbre West Nile. Nella maggior parte dei casi, i sintomi scompaiono da soli dopo qualche giorno o possono protrarsi per qualche settimana. Nei casi più gravi è invece necessario il ricovero in ospedale, dove i trattamenti somministrati comprendono fluidi intravenosi e respirazione assistita.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Contromano in tangenziale, i poliziotti la inseguono a piedi ed evitano un incidente

  • Incidenti stradali

    Frontale in curva, cinque feriti: uno incastrato estratto dai vigili del fuoco

  • Cronaca

    Spaccio di oppio tra braccianti indiani, sequestrati cinque chili di bulbi di papavero

  • Cronaca

    Dimesso dall'ospedale dopo il ricovero riabbraccia il suo cane salvato dall'Ivri

I più letti della settimana

  • Accoltellato in mezzo alla strada, grave un uomo

  • Blitz nel campo nomadi, ecco parte della refurtiva: «Chi ha subito furti e la riconosce si rivolga ai carabinieri»

  • Si schianta all'incrocio e abbatte il muro della farmacia, due feriti

  • Le vecchie osterie di montagna tenute aperte dalle donne

  • Frontale in curva, cinque feriti: uno incastrato estratto dai vigili del fuoco

  • «Ti insegno io a rubare in casa della gente, ma non devi avere paura»

Torna su
IlPiacenza è in caricamento