Raccolta funghi, Ausl e Provincia alleate per informare i cittadini

La Provincia di Piacenza e l'Azienda Usl hanno deciso di promuovere un ciclo di incontri rivolti alla popolazione, per informare sulle regole e precauzioni da adottare durante la raccolta

L’ultimo decesso in Emilia Romagna per fortuna risale al 2005 ma nel 2011 nella nostra regione sono state complessivamente 60 le persone che sono state intossicate da funghi. Nella nostra provincia si registrano mediamente 5/6 episodi all’anno, dovuti sia alla confusione tra specie commestibili e velenose sia al cattivo trattamento e conservazione dei prodotti raccolti. Ecco perché la Provincia di Piacenza e l’Azienda Usl hanno deciso di promuovere un ciclo di incontri rivolti alla popolazione, per informare sulle regole e precauzioni da adottare durante la raccolta. In calendario ci sono quattro appuntamenti serali, articolati tra il capoluogo, Fiorenzuola e Castelsangiovanni, affinché la diffusione delle indicazioni fornite dagli esperti sia il più capillare possibile. Gli incontri sono condotti dal micologo Daniele Inzani, dell’unità operativa Igiene alimenti e nutrizione del dipartimento di Sanità pubblica dell’Ausl di Piacenza.

Oltre alle regole e precauzioni nella raccolta, l’esperto fornirà anche informazioni per riconoscere le specie più diffuse nel territorio piacentino. Tra i pericoli più seri cui vanno incontro i raccoglitori, non solo i meno esperti, c’è infatti il rischio di confondere specie commestibili con altre velenose. Infine, durante le serate saranno illustrati i metodi corretti di trattamento e conservazione dei preziosi e gustosi frutti del sottobosco. “L'iniziativa – ha sottolineato l'assessore provinciale all'Agricoltura Manuel Ghilardelli – assume una particolare importanza in un momento in cui, a livello nazionale, gli episodi di intossicazione sono stati piuttosto rilevanti. La corretta informazione rappresenta lo strumento migliore per affrontare la raccolta in modo consapevole e senza rischi per la salute”.

Ecco il calendario degli appuntamenti: § 22 marzo – Piacenza, aula magna Istituto industriale Marconi, via IV Novembre 116, ore 20.30 § 28 marzo – Fiorenzuola, auditorium San Giovanni, piazza San Giovanni 2, ore 20.30 § 5 aprile – Castelsangiovanni, centro culturale di via Mazzini, ore 20.30 § 11 aprile – Piacenza, aula magna Istituto industriale Marconi, via IV Novembre 116, ore 20.30 Le quattro serate sono organizzate dall’assessorato Agricoltura della Provincia di Piacenza, servizio Piccole filiere e supporto tecnico organizzativo alle produzioni agricole – cui la normativa delega tra l’altro competenze in merito alle attività informative e divulgative rivolte ai cercatori - insieme all’Ispettorato micologico dell’Ausl di Piacenza. Quest’ultimo invece, che fa capo all’unità operativa Igiene e sicurezza del dipartimento di Sanità pubblica, effettua i controlli previsti dalla normativa rispetto ai funghi raccolti sul territorio e opera nell’ambito del Programma di sicurezza alimentare. Ha sede a Piacenza ma gli operatori Ausl sono disponibili a recarsi a Bettola e Bobbio, previo appuntamento, per controllare sul posto quantitativi rilevanti di prodotto raccolto. Tra i compiti del servizio c’è anche quello informativo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, lotta al contagio: nel Piacentino scuole chiuse e San Damiano per la quarantena

  • Coronavirus: il 38enne contagiato in contatto con un manager di Fiorenzuola, isolato a Milano. Chiusa la ditta Mae

  • «A Piacenza nessun caso di Coronavirus. Piacentini stiano tranquilli, a breve un numero dedicato all'emergenza»

  • Giordania, ingegnere piacentino muore colpito da alcuni massi a Petra

  • Coronavirus, negativo ai test il manager di Fiorenzuola. Sospetto caso per una donna, infermiere in isolamento

  • Coronavirus, un contagiato in Lombardia ricoverato a Codogno

Torna su
IlPiacenza è in caricamento