Rapina di via Sidoli, tradito dal bottino gettato nell'immondizia

Le sue iniziali sono E.S., ha 42 anni ed è un piacentino . E abita in via Di Giovanni, cioè a cinquanta metri in linea d'aria da dove è stata portata segno la rapina. Sono queste le caratteristiche dell'uomo che è stato arrestato dopo il colpo alla tabaccheria di via Sidoli

soldi-carabinieri 
Il bottino ritrovato
Le sue iniziali sono E.S., ha 42 anni ed è un piacentino con con alcuni precedenti sia per furto che per stupefacenti. E soprattutto abita in via Di Giovanni, cioè a cinquanta metri in linea d'aria da  dove è stata portata segno la rapina. Sono queste le caratteristiche dell'uomo che è stato arrestato immediatamente dopo il colpo alla tabaccheria di via Sidoli di stamattina. Ora si trova in caserma dai carabinieri e in serata verrà portato in carcere alle Novate con l'accusa di rapina aggravata e porto abusivo di oggetti da offesa.

I carabinieri del Nucleo investigativo, in collaborazione con i militari della Compagnia di Piacenza del Radiomobile, sono arrivati sulle sue tracce quasi subito. «E' stato fondamentale il servizio coordinato proprio di prevenzione delle rapine che avevamo messo in campo questa mattina in tutta la zona» hanno spiegato il capitano Rocco Papaleo, comandante del Nucleo investigativo, ed Helios Scarpa comandante della Compagnia di Piacenza.

Infatti il rapido intervento delle pattuglie dell'Arma ha permesso di notare il 42enne mentre rientrava in casa poco dopo il colpo. Un particolare quasi marginale e di poco conto, se non fosse stato che poco dopo sempre i carabinieri che stavano pattugliando la zona alla ricerca del bandito hanno notato il figlio minorenne del pregiudicato che usciva di casa con un sacco dell'immondizia.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

I carabinieri hanno deciso di dare un'occhiata, e dentro al sacco nero di plastica c'erano stranamente degli indumenti che corrispondevano a quelli che i testimoni della rapina avevano visto indosso al bandito. La successiva perquisizione in casa dell'uomo ha permesso di ritrovare anche il denaro che era stato nascosto dentro a dei calzini, mentre il coltello lo aveva gettato in un cassonetto dell'immondizia. E in garage, ovviamente, c'era anche la bicicletta usata per la fuga.

carabinieri_141

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Auto si ribalta dopo lo schianto contro il terrapieno, muore un uomo

  • Precipita dal sesto piano, muore un giovane

  • "Litigano" su Twitter, poi s’incontrano a Piacenza e ora convolano a nozze

  • Spostamenti tra regioni e viaggi: cosa si può fare (e cosa no) da oggi 3 giugno

  • Incastrato nell'auto ribaltata, grave incidente in via Colombo

  • Sbanda per una vespa nell'abitacolo e si schianta contro un terrapieno di cemento

Torna su
IlPiacenza è in caricamento