domenica, 26 ottobre 10℃

«Togliere per sempre la patente a chi causa morti guidando ubriaco»

La proposta del piacentino Antonio Palmieri, presidente dell'Associazione nazionale utenti stradali: «Chi causa questi incidenti è spesso recidivo. Basta solo modificare il Codice della strada»

Redazione 14 giugno 2012
18

«Per i tanti anni trascorsi in servizio all’interno di un ufficio della Motorizzazione Civile ho potuto valutatare migliaia di formulari di incidenti stradali provenienti dalle forze di Polizia e so per esperienza che, chi rimane coinvolto in gravi incidenti stradali connessi alla guida in stato di ebbrezza alcoolica o sostanze stupefacenti, è quasi sempre nella maggioranza dei casi un recidivo ed è su questa recidività del conducente e sul documento di guida dello stesso, che occorre intervenire». Interviene, in merito a uno dei problemi più attuali della nostra società, il presidente dell'Associazione nazionale Utenti stradali, il piacentino Antonio Palmieri. E lo fa con una proposta molto concreta.

 

«Gli strumenti sia giuridici che tecnici li abbiamo - spiega Palmieri - questi ultimi in carico già da moltissimi anni al Ministero dei trasporti, strumenti che, però, forse andrebbero utilizzati appieno seguendo le direttive a suo tempo impartite dal Ministero stesso, e sempre attuali, ma a volte o non conosciute o magari sottovalutate. Senza spendere un euro potremmo risolvere oggi, forse più che domani, uno dei grossi problemi che causano, con l’uso smodato dell’alcool – ma non solo - migliaia di morti l’anno. Non occorrono spot pubblicitari ma solo lavorare seriamente. Ritengo che non sia sul Codice penale che occorra intervenire, ma semplicemente ed immediatamente sul Codice della strada prevedendo: "per chi, in ogni caso, alla guida in stato di ebbrezza alcoolica o sostanze stupefacenti causa incidente stradale e si rende  responsabile della morte di persone o causi lesioni gravissime e permanenti a terzi, ferme restando le responsabilità penali previste, lo stesso soggiace alla revoca di tutte le patenti possedute per la guida di moto/autoveicoli, con l’inibizione perenne a conseguire o a convertire altro documento abilitante per la conduzione di qualsiasi veicolo a motore"».

«Sembra che l’attuale governo tecnico non sia disposto a varare quelle modifiche richieste da molte associazioni per introdurre nel nostro Codice penale il reato specifico dell’omicidio stradale cosiddetto volontario - spiega Palmieri - da imputare a chi, alla guida in stato di ebbrezza alcoolica o sostanze stupefacenti causi incidenti stradali mortali.  Evidentemente l’attuale Ministro di Grazia e Giustizia, essendo del mestiere ed in quanto avvocato di una certa levatura, ha saputo ben distinguere il confine esistente fra colpa, sia pur grave, e dolo o dolo eventuale». 

Annuncio promozionale

«Da qualche anno a questa parte - spiega il presidente dell'associazione - una associazione toscana aveva lanciato una proposta in tal senso raccogliendo molti sostenitori fra i quali l’On. Valducci presidente della IX Commissione Trasporti, e il sindaco di Firenze Renzi che si era detto pronto a mettere per primo la firma su qualsiasi iniziativa tendente ad introdurre il reato di omicidio stradale. Personalmente avevo invitato il primo cittadino di Firenze a unirsi all’Associazione Nazionale Utenti Stradali  (www.utentistradali.it ) ed a rivedere la propria posizione tralasciando l’idea della modifica al codice penale, che sarebbe stata solo fonte di discussioni giuridiche, per intraprendere quella suggerita dall’associazione, sicuramente meno difficile da percorrere, ossia quella di chiedere una semplicissima e immediata  modifica agli articoli 186 e 187 del codice della strada che trattano rispettivamente della guida in stato di ebbrezza alcoolica e sotto l’effetto di sostanze stupefacenti ed ottenere sicuramente risultati migliori, immediati, e privi di possibili contestazioni giuridiche». 

Antonio Palmieri
incidenti mortali

18 Commenti

Feed
  • Avatar di Ugo Moira

    Ugo Moira Ho critto altre volte che esagerare con le prevenzioni non serve.Qui mettiamo in atto una vera falcidia.Vorremmo togliere la patente agli anziani,punire gli ubriachi, ma non quelli che provocano incidenti ma quelli che come Double sono incappati nella severità dei controlli e che sarebbe arrivato a casa indenne.. L'ho detto altre volte:nella nostra vita a quanti matrimoni siamo andati e abbiamo un po' esagerato nelle bevande,arrivando salvi a casa.Il vino se buono intorpidisce il cervello, ma non al punto di annullare il nostro senso di sopravvivenza. Togliere la patente agli anziani? Ma se i giovani si ammazzano in compagnia,di notte imbottiti di droghe e fosse solo di notte ma di giorno la musica non cambia. Un esempio per capirci: una conoscente a 50 metri da casa si ferma con il ragazzo al bar. Beve un amaro e incappa nella Polizia.Tolta la patente,sanzione aggravata perchè la ragazza ritiene assurda la cosa e protesta poco garbatamente. Ora prevenire va bene,ma perchè se il controllo è positivo non si fanno dei test attitudinali come in altri paesi.Cioè (sembrano sciocchezze)fare le tabelline,camminare sulla striscia bianca.insomma vedere se effettivamente il conducente è un pericolo. Va tenuto anche conto dell'assimilazione diversa fra gli individui. Potrebbe nascere una nuova professione:dopo una serata allegra si dovrebbe poter noleggiare un astemio che ti poti a casa! Io auspico anche un senso di prudenza e di responsabilità: si va troppo forte sia in città che sulle statali e provinciali,le revisioni vengono fatte superficialmente,i pedoni dovrebbero essere più prudenti così come i ciclisti. Ma non usiamo il vino per colpire indiscriminatamente!

    il 16 giugno del 2012
  • Avatar di claudio sessantuno

    claudio sessantuno Proporzionalita della pena ...... a Maso, il famoso Pietro, vennero dati 30 anni per avere ammazzato entrambi i genitori, nel 1991, dal 2008 e' fuori in semiliberta' ........ In innumerevoli altri paesi, essere senza patente, vuol dire usare i mezzi pubblici. In Italia essere senza patente vuol dire essere condannati a morte. Ho conosciuto persone che non hanno la patente, per scelta o perche' non gli serve.......ma provateci a vivere senza patente in Italia.

    il 16 giugno del 2012
  • Avatar di la bortellina

    la bortellina Ma x davvero in caso di una disgrazia, vi sentireste sollevati sapendo che magari i vostri familiari sono stati investiti da uno che magari non ha mai ne bevuto ne fumato una canna in vita sua??? A me non cambierebbe nulla!!! Sarebbe grave tanto in un caso quanto nell'altro!!

    il 15 giugno del 2012
    • Avatar di max max

      max max certo che si,perchè un incidente può succedere,ma se uno non è in condizioni di guidare non è un incidente ma diventa un tentativo di omicidio e ti dico di più,sarebbe la stessa cosa se chi causa l'incidente fosse col telefonino all'orecchio (cosa che avviene regolarmente,tutti i santi giorni ne incrocio decine di sti idioti..) purtroppo troppa gente se ne frega di tutto quando è al volante

      il 16 giugno del 2012
  • Avatar di Cunctator

    Cunctator Proprio adesso ho letto per caso questo articolo: http://www.ilfattoquotidiano.it/2012/06/15/ubriaco-alla-guida-uccise-madre-e-due-figli-ma-non-fara-un-gi orno-di-carcere/264160/: Giudicate voi.......

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di francesca

    francesca 1 - Già ora se sei recitivo c'è la revoca della patente (leggetevi gli articoli 186 e 187 del cds) 2 - Gli incidenti mortali causati da chi sta al cellulare mentre guida oppure guida senza aver dormito (classico colpo di sonno) saranno invece premiati??? 3 - La cosa grave è che vi focalizzate solo sulla guida in stato di ebbrezza quando in questo periodo ci sono moltissimi che vanno in giro senza assicurazione per via della crisi. (se fai un incidente senza assicurazione chi ti risarcisce?? )

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di la bortellina

    la bortellina Strano ma vero, anch'io sono daccordo, ma solo ed esclusivamente se si causano incidenti mortali!!! Non durante 'normali' controlli di routine!!! E la stessa cosa dovrebbe essere applicata a chi guida drogato, e anche a chi causa incidenti mortali che non sia ubriaco o drogato!!!!

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di tino sixtynine

    tino sixtynine io vorrei capire meglio un altro discorso,cosa s'intende per ubriaco?è ubriaco anche uno che ha bevuto solo una birra media e si trova appena appena sopra i limiti,oppure è ubriaco chi è in evidente stato di confusione?anche su queste cose bisogna fare dei distingui,altrimenti non ci sarà più nessuno con la patente molto presto.poi c'è un altro aspetto che mi fà pensare,ogni volta che c'è un incidente,si guarda solo se l'autista è ubriaco ma mai le dinamiche dell'incidente.conosco una persona che,purtroppo,ha ucciso un ciclista investendolo per strada.questa persona superava il limite alcolimetrico di pochissimo e sul giornale c'era scritto che era ubriaco,peccato che il ciclista era in mezzo alla strada in senso contrario,in piena notte e senza fanalini o giubbottino catarifrangente.chi era più pericoloso?comunque anch'io penso che sia ora di togliere la patente a certe persone ma bisogna colpire proprio queste e non fare un calderone e prenderci dentro tutti!

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di Faelelpam

    Faelelpam Una sola volta mi hanno fatto fare l'etil-test, per dispetto, risultato negativo ovviamente...alla facciarazza loro :) Ammazza quanti controlli che fanno...fate ridere...ahahahaha

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di ALe Cinquecentouno

    ALe Cinquecentouno Sì, ma poi chi controlla che effettivamente chi guida abbia la patente? Sono 22 anni che nessuno mi ferma.

    il 15 giugno del 2012
  • Avatar di Sandro Ferrari

    Sandro Ferrari Ovviamente il consenso deve essere dato ogni tot di tempo a seconda della gradazione alcolica (sempre nei limiti). Più alta è, minore è il tempo per il consenso; altrimenti il mezzo si ferma. Purtroppo vogliono soldi, non la nostra sicurezza!!!

    il 14 giugno del 2012
  • Avatar di cle ofe

    cle ofe La proposta e' di uno che ha esperienze dirette, quindi e' senz'altro interessante. Condivido senz'altro la focalizzazione sul pericolo presentato da ubriachi e drogati; penso pero' che si possano trovare altre misure altrettanto radicali che addirittura possano prevenire il pericolo di causare morti (vedi anche la proposta del post precedente)

    il 14 giugno del 2012
  • Avatar di Sandro Ferrari

    Sandro Ferrari Per me parole inutili, MOLTO inutili. Come al solito nei commenti molte punizioni, ma poche soluzioni. Questo vuol farsi pubblicità! Ci vuole un dispositivo (e probabilmente c'è già;) per cui uno non può accendere il mezzo se non soffia e non mette la sua impronta digitale per il consenso. Altrimenti ad uno che guida senza patente (forse anche nullatenente) cosa gli fai, lo arresti e lo mantieni? Ogni vettura la sua/e impronta/e digitale/i.

    il 14 giugno del 2012
    • Avatar di Andrea

      Andrea Soliti ragionamenti da italiani.. siccome tanto poi c'è qualcuno "furbo" che trova l'inganno, non facciamo niente. Allora ti posso dire che anche alla tua proposta (soffia, schiaccia, sputa..) tanto poi si va dal meccanico/elettrauto di fiducia e si riprogramma la centralina e siamo punto a capo. Si fanno le leggi e si fanno rispettare. Chi non le rispetta o le raggira lo arresti. Le carceri le vogliamo usare? E chi se ne frega se sono in troppi.. Sono nulla tenenti? Bene, li facciamo lavorare (di giorno) sino aver risarcito il danno provocato. E di sera in gattabuia. E' assurdo che gente di m_erda guidi ancora dopo 6 mesi dopo aver ammazzato della gente perchè pieno o fatto. Basta, non se ne può più..anche solo per rispetto di chi non c'è più. Anche simbolicamente, meglio sentir dire che guidava senza patente (piuttosto che "gli era appena stata restituita dopo aver ammazzato 2 persone 6 mesi fa";) . Poi spero inizieremo anche sentire di gente che li tira giù dalla macchina e li lincia in mezzo alla strada. Siamo al far-west; tanto vale adeguarsi... sta gente deve sparire. Basta 'sta tolleranza e buonismo da preti ed evirati mentali. Basta!

      il 14 giugno del 2012
      • Avatar di Sandro Ferrari

        Sandro Ferrari Li controlli tutti tu? Uno non in grado di guidare non deve guidare. L'apparecchio dovrà essere ogni tanto revisionato, magari da te che conosci tutti i trucchi.

        il 14 giugno del 2012
  • Avatar di Gentile Luca

    Gentile Luca Parole interessanti, ma, come sempre, rimarranno lettera morta

    il 14 giugno del 2012
    • Avatar di Andrea

      Andrea Io spero un giorno di vedere concretizzarsi qualcosa. Così com'è adesso, la situazione sta scappando di mano, se non altro per i tanti soggetti dell'Est Europa dediti a quel tipo di comportamento stradale che (però;) a casa loro è severamente punito.

      il 14 giugno del 2012
      • Avatar di Double

        Double > Io spero un giorno di vedere concretizzarsi qualcosa. Così com'è adesso, la situazione sta scappando di mano, se non altro per i tanti soggetti dell'Est Europa dediti a quel tipo di comportamento stradale che (però a casa loro è severamente punito. Tutto giusto tranne... Cosa significa ubriaco ??? Forse il sottoscritto, che pur non bevendo quasi mai, una sera rientrando da una cena in compagnia dopo aver bevuto due bicchieri di vino e un amaro è risultato secondo la legge un alcolizzato pericoloso per gli altri... patente sospesa multa da paura, lavoro in pericolo... Non male come prezzo da pagare per una serata trascorsa al ristorante senza aver esagerato in nulla... La cosa che mi fa imbestialire è che ormai si sta demonizzando il fenomeno e si colpisce anche chi non lo è, ubriaco, mentre vedo scorazzare pirati della strada senza essere fermati! Ma che razza di controlli sono questi? Mi dilungo, durante il mio fermo di controllo di polizia passavano dei pazzi al chiodo, ma ormai c'ero io fermo li fermato in perfetto stato di lucidita (ma non per la macchinetta) alla furiosa velocita' di 50 Km/h... eheh mi scappa da ridere. E' tutto un business visite obbligatorie corso rieducativo, marche da bollo...ecc Forse se facevo una pippatina come si dice in gergo sarei stato una persona normale ai controlli.

        il 15 giugno del 2012