Lo sfalcio di viale Patrioti finiva sepolto in un giardino pubblico a Montale, interviene la Polizia locale

Blitz del nucleo Ambiente dei vigili dopo le segnalazioni di alcuni cittadini: trovati nascosti sotto l'erba secca i residui delle potature provenienti da altre zone della città. Indagini in corso

L'intervento del nucleo Ambiente della Polizia locale a Montale

Tecnicamente si chiamano polloni: sono quella parte di una pianta sotto forma di ramo che si sviluppa direttamente sul tronco o ai piedi di un'albero. Lungo le vie cittadine ne sono cresciuti ovviamente in gran quantità in questo periodo, e proprio in questi giorni - dopo il tanto atteso avvio dello sfalcio del verde pubblico (questione al centro di aspre polemiche politiche e che come noto di recente è anche finita in procura) - sono in corso le potature anche di questa vegetazione. Gli agenti del nucleo ambiente della Polizia locale hanno però scoperto che una parte consistente di questi polloni, invece di essere smaltiti in un centro apposito, venivano gettati in un giardinetto pubblico a Montale, all'angolo fra via Modena e via Ravenna, di fianco all'area di sgambamento. Alcuni cittadini pare abbiamo segnalato questa anomalia, dopo aver notato alcuni operai arrivare sul posto con un furgone carico della potatura dei polloni, che a norma sarebbe un rifiuto, e che veniva gettato in mezzo al campo, che successivamente veniva a sua volta falciato dall'erba. Dalle indagini svolte anche in collaborazione con l'ufficio Verde Pubblico del Comune, pare che si trattasse dei polloni potati poco tempo prima dalla base degli alberi lungo tutto viale Patrioti da una delle ditte sub-appaltatrici del servizio di gestione del verde.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il tutto è stato poi trasmesso alla Procura della Repubblica di Piacenza, mentre nel frattempo la stessa ditta, chiamata sul posto dagli agenti, ha provveduto a recuperare i rifiuti delle potature per portarli altrove per il corretto smaltimento. Eventuali responsabili, ove venissero individuati dalla procura, rischiano di essere indagati per il reato di "deposito incontrollato di rifiuti" (articolo 256 del Codice dell'ambiente)
«Oltre al problema dei rifiuti in sé che non possono essere gettati in quel modo - spiegano alcuni esperti - esiste anche il serio pericolo che una procedura del genere possa provocare degli incendi a causa dell'autocombustione generata dal fogliame verde e umido (quello dei polloni, ndr) a contatto con i residui secchi dell'erba tagliata in loco».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Schianto all’incrocio: tre feriti, gravissima una ragazza

  • Fontana: «Il virus girava da mesi, Piacenza è la provincia con i numeri peggiori»

  • Carabinieri chiamati per una lite trovano il bar pieno di gente, multa e locale chiuso

  • Un matrimonio in sospeso ma l'attività appena inaugurata riparte: Marco e Elisa, osti a Rompeggio

  • Vince il Covid e torna a casa nel giorno del compleanno del figlio: «Papà, sei un guerriero»

  • Dall'inferno del Covid al ritorno a casa, ecco i vigili del fuoco che hanno vinto il virus

Torna su
IlPiacenza è in caricamento