Si alza il livello del Po, chiusa via Nino Bixio

Sta salendo l'altezza del Grande Fiume a Piacenza: la piena si sta spostando nel tratto lombardo-emiliano

Il Po nel pomeriggio del 7 novembre (foto Drone Fly Italia)

Il fiume Po torna a preoccupare anche il nostro territorio. I livelli del Grande Fiume sono in decrescita nella zona occidentale del Piemonte: a Torino Murazzi il colmo è stato raggiunto ieri alle ore 20 con il valore di 4,10 m sullo zero idrometrico (fascia 2 di criticità - moderata). Nel pomeriggio del 7 novembre via Nino Bixio è stata chiusa per precauzione.  Sul posto la polizia locale e la protezione civile.

L’Agenzia per la sicurezza territoriale e la protezione civile ha diramato l’allerta meteo che riporta il codice colore arancione per criticità idraulica per la zona di allerta H e l’avviso di superamento della soglia 2 del fiume Po. Riunione in prefettura il Centro Coordinamento Soccorsi nella mattinata del 7 novembre. Hanno partecipato le forze di polizia, i vigili del fuoco, i rappresentanti dei Comuni di Piacenza, Castelsangiovanni, Calendasco, Monticelli, Rottofreno, Sarmato, Unione Bassa Fiume Po, la protezione civile, della Provincia, la Bonifica, E-Distribuzione ed Enel Green Power, Croce Rossa, Anpas e Aipo. 

I sindaci e i rappresentanti degli enti locali intervenuti hanno a loro volta segnalato di aver posto le proprie strutture in preallarme e di aver adottato le cautele necessarie, informando la popolazione.  Enel, quale gestore della diga Isola Serafini ha comunicato di aver attivato la fase di preallerta per “rischio diga e rischio idraulico a valle” ai sensi di quanto previsto nel Documento di protezione civile. È stato suggerito ai sindaci di valutare l’adozione di ordinanze tese a vietare l’accesso alle aree prospicienti il fiume e alle golene per evitare possibili problemi all’incolumità delle persone.

IL PO - La piena sta transitando nel tratto più orientale (provincia di Alessandria) con valori di criticità 2 ma si prevede una rapida decrescita dei livelli che torneranno sotto la soglia 1 (quindi in criticità assente) entro la serata di domani. In conseguenza della formazione di questa terza onda di piena, è atteso, nell'arco delle prossime 24-48 ore, un nuovo incremento dei livelli nel tratto lombardo-emiliano del Po, con il superamento della soglia 2 arancione di criticità (moderata) in alcuni tratti. La piena del fiume Po transiterà nel Piacentino con livelli al di sopra della soglia 2 già dal pomeriggio del 7 novembre, con il raggiungimento del nuovo colmo in città nella mattina dell’8 novembre. Attualmente il livello è poco sotto i sei metri. Il personale Aipo rimane attivo nell’azione di monitoraggio e verifica delle opere idrauliche, in collaborazione e coordinamento con tutti gli Enti facenti parte del sistema di protezione civile. È raccomandata la massima prudenza in prossimità delle aree prospicienti il fiume e delle golene. Nel frattempo la protezione civile ha diramato un’allerta meteo per le prossime ore nel Piacentino. Per giovedì 8 novembre sono attese condizioni meteo di «moderata instabilità con piovaschi sui rilievi occidentali».

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Bloccano la porta dall'interno e razziano la casa, a segno colpo da migliaia di euro

  • Cronaca

    Con un taglierino tentano di rapinare la Banca di Piacenza, due uomini in fuga

  • Cronaca

    Minacce ai responsabili sicurezza della coop, divieto di dimora in città per 12 lavoratori

  • Politica

    Cgil, c’è l’accordo: Landini segretario, il piacentino Vincenzo Colla vice

I più letti della settimana

  • Tragico schianto contro un tir, muore 52enne

  • Il “basulon” della montagna piacentina: «In alcune frazioni vado per una sola persona»

  • Precipita dal terzo piano, muore un operaio

  • Si schianta contro un tir e muore

  • Tamponato violentemente si schianta contro le auto in sosta, è grave

  • Esce per andare a lavorare e si trova la Bmw senza volante e cruscotto

Torna su
IlPiacenza è in caricamento