Si ricaricava il cellulare con i telefoni dei pazienti, denunciato

Nei guai un infermiere piacentino di 38 anni per il quale è già stato chiesto il rinvio a giudizio. L'indagine della Municipale: le ricariche avvenivano usando i telefoni di una clinica, di tre ambulatori e di case dei pazienti

Gli agenti della Municipale di Piacenza illustrano l'operazione

Ricariva il proprio cellulare utilizzando i telefoni di alcuni ambulatori, ma anche quelli dei pazienti che andava ad assistere. E tra loro ci sono molte persone poi decedute per la malattia. In un caso, l'infermiere scorretto, aveva composto il proprio numero di cellulare dal telefonino di un malato che poche ore dopo era deceduto. Un 38enne di Podenzano è stato denunciato per peculato (mentre lavorava infatti aveva la qualifica di incaricato di pubblico servizio) e furto al termine di una indagine della Polizia municipale. Per l'uomo, C.L., è già stato chiesto il rinvio a giudizio e in ottobre si presenterà davanti al gip.

La vicenda è stata illustrata questa mattina, 3 agosto, al comando della Municipale, dall'ispettore Matteo Rampoldi, dall'assistente Barbara Roffi, alla presenza dell'ispettore Federica Devoti. L'indagine era partita in febbraio, quando una donna aveva denunciato che dal proprio cellulare, ricaricato la sera prima, erano spariti 10 euro di traffico. Il numero verso cui erano partite le telefonate era sconosciuto. I due vigili urbani si mettono all'opera e richiedono i tabulati telefonici degli ultimi nove mesi. Selezionano le telefonate e considerano solo quelle superiori ai 16 minuti. Ne emergono 3.300. Di queste 95, in totale, segnano il numero dell'infermiere. Identificando al cella telefonica, gli investigatori della Municipale notano che chiamante e ricevente sono agganciati alla stessa cella, quindi si trovano vicinissimi o nello stesso posto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E i luoghi da cui il presunto ladro di ricariche agiva erano una clinica piacentina, tre ambulatori nei Comuni di Podenzano, Vigolzone e San Giorgio e alcune abitazioni private, dove l'infermiere andava a prestare assistenza, persone di cui l'uomo godeva fiducia. Con una scusa si appartava e componeva il numero del proprio cellulare usando il telefonino del malcapitato. Tanti i casi, in cui si trattatva di telefonini di malati terminali. I vigili hanno accertato che, solo per quel riguarda i casi da loro trattati - che potrebbero essere anche di più - il 38enne aveva incamerato ricariche per oltre 300 euro, facendo però spendere agli ignari malati oltre 3.300 euro di telefonate. In un caso, l'infermiere, tra le 20 e le 21, ha lasciato il telefono di un malato terminale collegato per un'ora e 5 minuti. Il paziente non è sopravvissuto alla notte. Già in marzo, dopo aver scoperto il primo collegamento, l'uomo era stato denunciato alla procura per peculato. Poi, si è aggiunto anche il furto ritenuto aggravato dalle minorate condizioni psicofisiche dei malati. Il sostituto procuratore Emilio Pisante, al termine delle indagini ha chiesto il rinvio a giudizio. Un episodio sgradevole, che ha visto raggirate persone in condizioni particolari giunte agli ultimi giorni della loro vita. Ma l'avidità del 38enne è andata ben oltre questi "piccolo aspetti".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • «Un anziano ammalato di Covid in gennaio a Piacenza potrebbe essere il paziente 1». Inchiesta di Report in una clinica piacentina

  • Piacenza, tutte le attività commerciali che sono aperte e fanno consegna a domicilio

  • Coronavirus, la situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 31 marzo

  • Coronavirus, l'aggiornamento del 27 marzo sui comuni del Piacentino

  • La situazione nei comuni del Piacentino aggiornata al 26 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento