Studente arrestato con 30 grammi di marijuana e un taser

Fermato dai carabinieri della stazione Levante in stazione. Processato, per lui è stato disposto l’obbligo di firma. In tasca, il 18enne aveva anche 300 euro in contanti

E’ stato fermato in stazione dai carabinieri della stazione Levante. L’ennesimo pusher preso dai militari, il 23 settembre, è un giovane di 18 anni a cui sono stati trovati 30 grammi di marijuana, giudicata di ottima qualità, e 330 euro in contanti, con probabilità il guadagno ottenuto dalla vendita di altre dosi. Per il ragazzo, proveniente dalla zona di Codogno e studente di una scuola superiore cittadina, processato il 24 settembre con rito direttissimo, è stato disposto l’obbligo di firma ai carabinieri.

Una pattuglia della Levante ha deciso di controllare il ragazzo appena sceso dal treno. I carabinieri hanno trovato anche un taser, a forma di telefonino, e lo hanno denunciato anche per porto di oggetti atti a offendere. Per lui è scattato l’arresto. Il giovane era già stato denunciato lo scorso anno sempre perché trovato in possesso di stupefacenti.

Davanti al giudice Sonia Caravelli, pm Antonio Rubino, si è svolto il processo. Il difensore ha chiesto una misura cautelare meno pesante e il giudice ha deciso per l’obbligo di firma, consentendo al ragazzo di tornare a casa con ipropri familiari che lo avevano raggiunto in Tribunale. Il processo è stato rinviato.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Travolti da un'auto dopo un incidente: tre feriti, uno è un carabiniere

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • «Dacci i soldi per tornare nel nostro Paese», parroco strattonato e rapinato in canonica

Torna su
IlPiacenza è in caricamento