Tentano la spaccata con un tombino, messi in fuga dal titolare che da anni dorme nella tabaccheria

Quattro malviventi hanno divelto un tombino e lo hanno usato per sfondare la vetrata del bar tabacchi di via Rio Farnese, al Peep. Il marito della titolare che dorme nel locale da dieci anni per paura dei furti li ha messi in fuga: «Al primo colpo inferto ho capito cosa stava accadendo»

La polizia sul posto (foto Gatti)

«Sono dieci anni che dormo qui dentro. Da quando abbiamo aperto la tabaccheria nel 2009 abbiamo preso questa decisione perché nel primo mese abbiamo subito tre furti». Lo dice il marito della titolare del bar tabacchi di via Rio Farnese al Peep mentre raccoglie i pezzi di vetro della vetrina che poco prima quattro malviventi hanno quasi mandato in frantumi con un tombino. Mancava qualche minuto alle 3 del 4 febbraio, il piacentino stava dormendo nel retro quando ha sentito dei forti colpi: «Mi sono svegliato immediatamente perché avevo capito che stavano cercando di entrare, quando me li sono trovati davanti sono scappati» e i video di sorveglianza lo confermano. I ladri, in quattro e con il passamontagna, sono arrivati a bordo, pare di un'utilitaria, hanno divelto un tombino davanti alla lavanderia e poi hanno colpito la vetrata con forza fino a danneggiarla irrimediabilmente ma non sono riusciti nell'intento: l'uomo li ha sorpresi e loro sono fuggiti senza nemmeno riuscire ad entrare, probabilmente non pensavano che ci fosse qualcuno. Sul posto in una manciata di secondi sono arrivati i poliziotti delle volanti.

Guarda il video dei ladri ripresi dalle telecamere di sicurezza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore travolta da un tir, stava andando a lavorare

  • Dal Po affiora un cadavere nella diga di Isola Serafini

  • Travolta in bici da un tir, muore una donna

  • Si ustiona con una pentola d'acqua bollente, gravissima

  • Travolti da un'auto dopo un incidente: tre feriti, uno è un carabiniere

  • Sfigurata nello scontro mortale, per il riconoscimento servirà il test del Dna

Torna su
IlPiacenza è in caricamento