Vuole soldi per la droga e terrorizza la madre con una mannaia: «Devi morire di crepacuore»

I carabinieri del Nucleo Radiomobile, dopo la denuncia della mamma adottiva hanno arrestato un 30enne piacentino tossicodipendente e con precedenti. Ora si trova alle Novate con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce. La donna ha raccontato le settimane di violenza

Immagine di repertorio

L'ha picchiata per settimane, le ha distrutto la casa, minacciato il figlio: voleva soldi per comprarsi la droga, ne voleva sempre di più e sempre più spesso con l'intento dichiarato di farla morire di crepacuore. I carabinieri del Nucleo Radiomobile, dopo la denuncia della mamma adottiva hanno arrestato un 30enne piacentino tossicodipendente e con precedenti. Ora si trova alle Novate con l'accusa di maltrattamenti in famiglia e minacce su disposizione del pm Ornella Chicca. Nella giornata del 12 febbraio si svolgerà in carcere l'interrogatorio di garanzia. La donna, una 68enne pensionata e vedova ha subito, insieme al figlio naturale 44enne, le angherie di quello adottivo che da qualche tempo aveva iniziato ad assumere cocaina. Di lì le violenze e le minacce fino a sabato scorso: l'uomo per l'ennesima volta, sotto l'effetto della coca, ha scatenato la sua furia contro madre e figlio e gli arredi della casa. Se fino a quel momento la 68enne aveva cercato di far fronte alle pesanti richieste di denaro per tenerlo calmo, questa volta ha trovato il coraggio di chiamare il 112. I carabinieri del Radiombile hanno raggiunto l'abitazione nella zona di via Colombo in una manciata di secondi. Lì hanno trovato il 44enne e la 68enne in lacrime e spaventati, mentre il 30enne nonostante la presenza dei militari e davanti a loro ha continuato ad avanzare richieste di denaro minacciandoli. E' stato bloccato e portato in caserma. La donna ha raccontato le settimane di violenza subita, il 30enne che ha adottato da neonato, per farsi consegnare i soldi per comprare la droga li terrorizzava brandendo coltelli mentre con una mannaia distruggeva i mobili, e poi le botte e umiliazioni. Ogni due o tre giorni, fanno sapere dall'Arma, scatenava la sua furia. Più volte, ha spiegato la donna, l'uomo le ha detto che il suo intento era quello di farla morire di crepacuore.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbalzato dall’auto che si ribalta nel campo, muore un 51enne

  • Esce di strada e l'auto si incastra nel fosso, due feriti

  • Presidente del Vigolo aggredito a bastonate e rapinato, è grave

  • Tir carico di formaggi si ribalta lungo la Provinciale

  • Investito da una fiammata, gravissimo

  • In bilico sul viadotto dell'A21, i poliziotti della Stradale lo salvano appena in tempo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento