Via Cella, bloccano la strada con due auto di traverso e assaltano il bancomat

Azione fulminea di un commando di professionisti nella notte tra venerdì e sabato in via Cella. Mentre due vetture bloccavano gli incroci di via Morigi e via Di Giovanni, i complici con il gas acetilene hanno fatto saltare il bancomat della Unicredit. Danni ingenti, indagano i carabinieri

La banca sventrata dopo l'esplosione (Foto Bisa)

Due auto di traverso agli incroci per chiudere l’accesso alla strada, e una terza vettura davanti alla banca con a bordo il commando che ha portato tecnicamente a segno il colpo. Si sono comportati da veri professionisti del crimine i malviventi che nella notte di sabato 1 marzo hanno fatto saltare in aria il bancomat della banca Unicrediti di via Cella. Un assalto in piena regola alle 4 del mattino con il gas acetilene, incuranti della gente ancora in giro a quell’ora e dei tanti giovani all’uscita del vicino pub Museum da una parte, e del panificio notturno dall’altra. Il bottino è ingente, visto che sono stati svuotati i cassetti con i contanti appena caricati in vista del fine settimana, anche se non è ancora stato quantificato. Delle indagini si stanno occupando i carabinieri del Nucleo radiomobile di Piacenza, subito intervenuto dopo che è scattato l’allarme e che hanno raccolto le testimonianze di alcuni clienti e passanti che hanno assistito all’azione fulminea dei banditi.

La banda è arrivata in via Cella a bordo di tre auto: i testimoni parlano di due potenti Audi S3 che si sono parcheggiate una di traverso all’incrocio con via Morigi e via Boscarelli, e l’altra auto identica che invece è andata a bloccare l’accesso dall’incrocio con via Di Giovanni. Insieme a loro un’Audi A8, forse con targa straniera, che si è fermata davanti alla banca, e dalla quale sono scesi almeno due individui con delle lampade in testa. Un’azione sincronizzata e rapidissima: con un piccolo foro nel bancomat e una cannula collegata a una bombola di acetilene viene saturato l’ambiente di esplosivo. Poi, con un innesco artigianale, la detonazione che sventra completamente il bancomat. I due individui entrano dentro la banca, raccolgono banconote per migliaia di euro, e poi risalgono a bordo dell’Audi scappando verso l’ingresso dell’autostrada a Sant’Antonio. Dietro di loro, a tutta velocità, figgono insieme anche le altre due vetture.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Carabinieri, volanti della questura e pattuglie dell’Ivri perlustrano la zona, ma senza esito. I militari del Radiomobile hanno effettuato un primo sopralluogo, poi hanno delimitato l’area davanti alla banca in attesa dell’intervento dei colleghi specializzati nei rilievi scientifici per scovare eventuali tracce lasciate dai malviventi.
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio porta il coniuge trans a prostituirsi: «Arrotondiamo il bilancio familiare», denunciati

  • «Sto andando a medicare un mio amico perché è stato morso da uno squalo»: denunciato

  • Coronavirus, 33 morti a Piacenza in un giorno: è il record peggiore. Sono 314 dall'inizio dell'epidemia

  • Tamponi ed ecografia a domicilio per i sospetti Covid, quattro team medici da martedì casa per casa

  • Coronavirus, la curva rallenta ma ci sono ancora 25 morti: in tutto 447 da inizio epidemia

  • La situazione nei comuni piacentini aggiornata al 24 marzo

Torna su
IlPiacenza è in caricamento